Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Marinalonga. Dopo l'incendio doloso dei giorni scorsi, accendono gli animi le dichiarazioni del sindaco di Carini sui varchi a mare⁩

Cronache Italia

Marinalonga. Dopo l'incendio doloso dei giorni scorsi, accendono gli animi le dichiarazioni del sindaco di Carini sui varchi a mare⁩

Rovente il clima che si respira a Marinalonga. Dopo l’incendio doloso dei giorni scorsi, le dichiarazioni del sindaco di Carini sui varchi a mare contribuiscono a mettere gli uni contro gli altri i cittadini e i residenti delle ville e bungalow.

Sempre più infuocato il clima che si respira attorno alle ville e ai bungalows di Marinalonga i cui residenti, dopo l’incendio doloso dei giorni scorsi - che ha rischiato di mettere in serio pericolo molte persone - si ritrovano a dovere controbattere alle affermazioni dell’attuale Sindaco di Carini, Giovi Monteleone, il quale, in una recente intervista, ha tenuto a precisare di avere creato varchi pedonali dentro Marinalonga nel PUDM che la Giunta ha approvato da qualche giorno.
«A parte il fatto che un varco per accedere al demanio marittimo antistante MARINALONGA esiste già per iniziativa del condominio e su proprietà degli stessi condomini, e dando il merito al nostro personale per averlo reso pulito e agibile - affermano i residenti -, dobbiamo purtroppo constatare che queste dichiarazioni finiscono per alimentare quel clima di odio che, per esempio, ha verosimilmente portato all’incendio dei terreni limitrofi al residence, il 7 e 8 agosto scorso».
Tutto questo in un momento in cui il Piano di Utilizzo del Demanio Marittimo deve essere ancora approvato dall'assessorato e dagli enti più ampiamente competenti.
«Non possiamo, peraltro, non rilevare che, dopo decenni dalla scadenza della relativa previsione di legge e in assenza di più recenti e urgenti adempimenti ordinati dall’Assessorato - aggiungono i residenti - il PUDM è stato approvato a ridosso delle elezioni comunali, con molti dubbi sui motivi che hanno realmente ispirato la Giunta nell’accoglimento delle previsioni relative a Marinalonga. Auspichiamo che il Sindaco e la Giunta provvedano all’adozione di atti in autotutela per il ritiro dei provvedimenti in questione e che, in ogni caso, non rilascino dichiarazioni, interviste e altro che possano finire per arrecare pregiudizio alla serenità dei rapporti tra consociati».
La querelle, dunque, non sembra avere fine e non fa altro che inaugurare male la stagione estiva, quest’anno cominciata tardi a causa del Coronavirus, continuandosi malamente a rivendicare la concessione di un pezzo di costa, nonostante le concessioni demaniali marittime rilasciate ai condomini di Marinalonga siano state ritenute legittime dalla P.A. competente.
«Quel che stupisce e amareggia ulteriormente – è la conclusione – è che, invece di dimostrare solidarietà ai residenti di Marinalonga, peraltro consapevole di non avere mai provveduto al recupero e alla bonifica dei luoghi limitrofi, da noi più volte richieste, il sindaco finisca col trasformare la situazione in un proclama elettorale. I varchi a mare a Marinalonga esistono perché li hanno realizzati i condomini, secondo un fatto oggettivo. La campagna elettorale si faccia, quindi, su fatti concreti, prevedendo - per fare solo un esempio - il recupero della viabilità della strada che da Porto Rais conduce alla Contrada di Marinalonga, servendo tutta contrada Piraineto, ed è occupata da muri di recinzione di ville e lotti, con difficoltà di transito e oggettivo pericolo per i pedoni».

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa