Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Fond. Caponnetto, canale comune riciclaggio triadi-'Ndrangheta

Cronache Italia

Fond. Caponnetto, canale comune riciclaggio triadi-'Ndrangheta

Report osservatorio OmCom evidenzia collegamento internazionale
Firenze. A Firenze e nell'hinterland "sono ben presenti sia gruppi riconducibili alle famiglie mafiose siciliane, calabresi e campane che gruppi criminali più o meno organizzata di nazionalità straniera in particolare albanesi, nordafricani e nigeriani-gambiani" mentre sull'asse con Prato la mafia cinese ha clan "forti e radicati". Lo dice un focus dedicato alla città di Firenze nel rapporto dell'osservatorio OmCom della Fondazione Caponnetto sulle mafie e sul loro radicamento nel territorio. Il report è stato presentato oggi ai giardini Caponnetto, sui lungarni, e rivela, tra l'altro, che "l'area Firenze, Prato ed Osmannoro è considerata centrale a livello nazionale per la mafia/criminalità organizzata" cinese e "ultimamente è emerso che per i canali internazionali di riciclaggio si servono pure di un canale comune con i clan calabresi". Il rapporto evidenzia varie criticità a Firenze dovute a usura, riciclaggio, intermediazioni e acquisti immobiliari, scommesse, spaccio, anche il fenomeno dei parcheggiatori abusivi. Secondo il presidente della Fondazione Caponnetto Salvatore Calleri "in un periodo così difficile economicamente, è necessario cambiare registro rapidamente. Bisogna agire prima che i fenomeni criminali avvengano per contenerli e combatterli in modo più efficace. Bisogna quando dei soggetti acquistano dei beni o subentrano in delle attività, domandarsi: chi sono? Cosa fanno? Di chi sono amici?Di chi si circondano? Da dove prendono i soldi? Se le cinque domande non ricevono risposte chiare ed adeguate siamo di fronte ad un rischio criminale altissimo".
Nel dettaglio La Fondazione Caponnetto, in base al rapporto OmCom, rileva che a Firenze e nella sua area i clan mafiosi siciliani, "benché se ne parli poco" sono "ben presenti. L'ultima operazione del 2020 ha visto la famiglia di Corso dei Mille di Palermo ben radicata a Prato e a Firenze". I clan siciliani storicamente si sono specializzati nelle intermediazioni immobiliari, "pertanto da un punto di vista strettamente analitico occorrerebbe iniziare a fare dei controlli a tappeto". Degno di nota pure "l'interessamento delle cosche palermitane degli Acquasanti e degli Arenella in merito alle corse dei cavalli, ad esempio l'indagine 'Mani in pasta' e relativo pestaggio del fantino. Non si puo' inoltre non notare poi la presenza dei fratelli Sutera a Firenze". Notevole viene dato il radicamento delle cosche calabresi ('ndrangheta) "da tempo presenti e organizzate in modo organico pure nel narcotraffico come la recente indagine che ha coinvolto Dicomano dove risultano presenti da almeno 20 anni. I loro campi d'interesse sono variegati,in tal senso non si puo' non notare l'interesse per la stazione Av Foster ed il commissariamento di una importante società multiservizi che operava pure sulla FI-PI-LI. Bisogna capire se, come probabile, vi è una presenza dei clan calabresi ma non solo alla Mercafir dove anni fa si registrò un episodio di presenza 'ndranghetista su richiesta. Successivamente nel 2019 si è assistito ad una spedizione punitiva. E' necessario approfondire". Presente a Firenze anche la camorra i cui clan "hanno investito in numerose attività. Nel tempo si possono trovare presenze storiche tra tutti dei Terracciano. Inoltre sono presenti imprenditori che operano per i clan". Dall'estero attività dei clan albanesi "ben radicati in accordo con gli italiani. Il traffico di droga è la loro specializzazione. Bisogna seguire i loro soldi per vedere dove li stanno investendo. In alcune zone della città si assiste ad un fiorire di investimenti albanesi. Alcuni di questi potrebbero essere frutto di riciclaggio. Operano spesso in asse con i calabresi". Le mafie nordafricane si dedicano per lo più alla droga. I nigeriani a Firenze sono sempre più radicati nelle piazze di spaccio delle Cascine, Fortezza da Basso e Stazione centrale Santa Maria Novella. I gambiani sono la loro manovalanza. Infine, il report ravvisa tracce a Firenze pure di clan pugliesi, di georgiani specializzati nei furti, di romeni nella prostituzione.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa