Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Carceri, Di Giacomo: ''Dietro rivolte unica regia, esposto alla Dda''

Cronache Italia

Carceri, Di Giacomo: ''Dietro rivolte unica regia, esposto alla Dda''

di AMDuemila
"Ho presentato esposto alla Procura nazionale antimafia e a varie Procure che dimostrano che c’è una regia unica dietro ciò che è successo e sta succedendo nelle carceri negli ultimi mesi. A Santa Maria Capua Vetere la situazione è esplosiva, con atteggiamenti di sfida dei detenuti dell'Alta Sicurezza, tutti reclusi per reati di mafia, verso la polizia penitenziaria e l'intero sistema". E’ quanto ha detto il segretario generale del sindacato della Penitenziaria Spp Aldo Di Giacomo nel corso di una conferenza stampa tenuta all'esterno del carcere di Santa Maria Capua Vetere, dove ieri oltre un centinaio tra detenuti e detenute dei reparti di Alta Sicurezza Tamigi e Senna, si sono barricati nell'area parcheggio per ore, lamentando la sospensione, disposta dal Dap, delle video-chiamate e della sorveglianza dinamica. Di Giacomo ha poi affermato che "ormai si sta andando verso uno smantellamento del sistema antimafia, imperniato sul 41bis, che ha consentito di salvare vite dal carcere, scoprendo ed evitando attentati, anche tramite i collaboratori di giustizia. Gli unici interventi legislativi previsti nel breve - ha aggiunto il sindacalista - sono proprio quelli che tagliano il 41bis, che vanno ad incidere sulle ore di isolamento dei detenuti, che rimuovono l'articolo 4bis dell'ordinamento penitenziario, che impedisce a particolari categorie di detenuti di usufruire dei permessi. Si va verso un pericoloso 'libera tutti', come dimostra il fatto che in questi mesi di pandemia è stato esteso lo strumento della sorveglianza dinamica ai detenuti dei reparti di Alta Sicurezza, ovvero elementi dei clan di camorra, 'ndrangheta, Cosa nostra, che non ne avrebbero solitamente diritto; ora che il Dap lo ha sospeso, i detenuti protestano. Noi - conclude Di Giacomo - saremo sempre al fianco delle vittime”.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa