Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia E' morta Maria Antonietta Muccioli, col marito Vincenzo fondo' San Patrignano

Cronache Italia

E' morta Maria Antonietta Muccioli, col marito Vincenzo fondo' San Patrignano

Rimini, nel 1978 la coppia fece sorgere la comunità per tossicodipendenti, che la saluta così: "L'amore di madre che ci hai regalato"
E' morta ieri notte Maria Antonietta Cappelli Muccioli, vedova del fondatore della comunità di San Patrignano Vincenzo Muccioli. Aveva 86 anni. Ne ha dato l'annuncio, il figlio Andrea sulla sua pagina Facebook. "Ciao mamma - ha scritto - Dovrei essere contento. Questa notte ti sei finalmente liberata di quell'involucro accartocciato e stanco, che ti aveva privato del movimento, della parola e infine della memoria e del pensiero".
Vincenzo e Maria Antonietta Muccioli, nel 1978 diedero vita alla comunità di recupero per tossicodipendenti San Patrignano appunto scegliendo il nome dalla strada del comune di Coriano nel Riminese dove ha ancora oggi la sede. San Patrignano ospita quasi duemila giovani.
Dalla comunità di "Sanpa" arriva un messaggio di addio alla donna: "Cara Antonietta,non cesseremo mai di ricordarti per la grande forza con cui hai saputo allargare la tua famiglia, permettendo così a Vincenzo di impegnarsi totalmente per la nascita di San Patrignano. L'amore di madre che hai regalato a molti di noi rimarrà per sempre nei nostri cuori". La sua "capacità materna di adoperarsi per mantenere nella Comunità un clima famigliare" è una delle eredità più preziose, scrive in una nota la comunità: una capacità esplicitatasi, "partendo dagli aspetti relazionali sino a quelli organizzativi e di cura degli ambienti. Solo a titolo esemplificativo ci piace ricordare che non ha mai voluto sentir parlare di “mensa” insistendo perché fosse definita “sala da pranzo” e fosse organizzata, anche esteticamente, con modalità il più possibile capaci di riprodurre il calore domestico".

bologna.repubblica.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa