Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Il premio ''Scopelliti'' al giornalista Paolo Borrometi

Cronache Italia

Il premio ''Scopelliti'' al giornalista Paolo Borrometi

di AMDuemila
Il vice direttore dell’Agi: “Quando si lotta per un ideale o per un sogno non c’è paura che tenga”

"Studiate, fottiamoli". E’ così che il giornalista e scrittore, vice direttore dell’Agi, Paolo Borrometi ha citato le parole del procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, rivolte ai giovani studenti calabresi, nel corso del premio "Antonino Scopelliti 2020”, svoltosi ieri a Reggio Calabria, dove è stato premiato. "Un magistrato di questa terra qualche settimana fa ha usato un'espressione molto forte 'studiate, fottiamoli'. Il magistrato è Nicola Gratteri. Questo applauso - ha detto Borrometi - non è solo per Nicola Gratteri ma per tutti i magistrati di questa terra che magari non hanno un'esposizione così importante ma che si impegnano ogni giorno".
Il giornalista, sotto scorta per le minacce ricevute dalla mafia, che stava programmando di farlo esplodere in aria con un'autobomba, ha poi risposto alle domande della figlia del giudice Antonino Scopelliti, ucciso dalla 'ndrangheta nel 1991, Rosanna: "Quella paura con la quale ognuno di noi legittimamente vive per i motivi più disparati va lottata e superata perché nel momento in cui si supera la paura di qualche cosa, banalmente di un esame o di una interrogazione, si vive con una sensazione che è quella invece del sogno. Ho compreso a mie spese che la cosa più bella non è la realizzazione di un sogno ma è quanto ci impegniamo per sconfiggere quelle paure affinché si possa lottare per la realizzazione di un sogno”. E poi ha aggiunto: “Ecco perché sono assolutamente convinto che voi ragazzi non siate solo il futuro ma siate soprattutto il presente di questo Paese, affinché quando uscirete dalla scuola, dall'università, non abbiate bisogno di una raccomandazione per trovare il vostro lavoro ma abbiate bisogno solo del vostro impegno. Questo per troppo tempo è stato da un lato il Paese che commemora e basta gli eroi ma che poi non fa camminare sulle nostre gambe le loro idee, penso che la cosa più bella in assoluto possa essere lottare per quei sogni ed è l'augurio che vi faccio con tutto il cuore. Studiate, lottate contro quella paura che ogni giorno vi accompagna e lottate per i vostri sogni perché ne vale sempre la pena. Quando si lotta per un ideale o per un sogno - ha poi concluso Borrometi - non c’è paura che tenga".
Il concorso è stato organizzato dalla Fondazione Antonino Scopelliti, presieduta dalla figlia Rosanna, congiuntamente con l'Anp (Associazione nazionale dirigenti pubblici) e col patrocinio della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Il premio in ambito artistico è stato assegnato ex aequo a Lidia Polimeni (Istituto Piria di Reggio Calabria) e Matteo Calandruccio (Istituto Severi di Gioia Tauro); il premio in ambito letterario è stato assegnato a Chiara Spinelli (Istituto "Algeri Marino" di Casoli, in provincia di Chieti); il premio in ambito musicale al duo Federico Garieri e Mattia Rocca (Istituto "Rita Levi Montalcini" di Sersale, in provincia di Catanzaro) che si è esibito in una performance trap. Menzioni speciali in ambito letterario per la classe 4° E dell'Istituto Piria di Reggio Calabria e in ambito musicale a Simone Quartuccio del Liceo Gullì di Reggio Calabria, che si è esibito in una performance con chitarra acustica.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa