Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Mostre: a Vinci esposizione fotografica di Battaglia e Guerra

Cronache Italia

Mostre: a Vinci esposizione fotografica di Battaglia e Guerra

Gli occhi e i volti immortalati nelle fotografie dei due reporter Vinci
Firenze. Disperazione e dolore. Ma anche dignità, determinazione e voglia di riscatto. Gli occhi e i volti immortalati nelle fotografie scattate dalle mani sapienti di Letizia Battaglia e Pino Guerra raccontano questo e tanto altro. I due fotografi sono stati ospiti della terza edizione del Vinci Photo Festival e ieri hanno inaugurato la loro mostra "Tra Guerra e Battaglia - Reportage fotografico nei luoghi di Mafia e Camorra", presso la nuova sala espositiva del Museo Leonardiano, alla presenza del sindaco di Vinci (Firenze), Giuseppe Torchia, il suo vice con delega alla Cultura, Sara Iallorenzi, del senatore Dario Parrini e di tantissimi visitatori. Un lungo viaggio, che inizia a Palermo, tra gli anni '70 e '80, con le fotografie di Letizia Battaglia che raccontano la guerra tra clan e gli omicidi di uomini dello Stato per mano della Mafia. A cominciare dalla celebre e drammatica foto dell'assassinio di Piersanti Mattarella, che apre la mostra per ricordare il 40esimo anniversario dell'efferato delitto. E che arriva ai nostri giorni, con gli scatti di Pino Guerra, all'interno delle vele di Scampia a Napoli, dove tante famiglie vivono ai margini, soggiogati dal controllo criminale dei clan camorristi. Storie di uomini. Storie di territori in cui lo Stato è colpevolmente assente. Storie che aiutano a riflettere e a non dimenticare che la lotta alla Mafia ha bisogno dell'impegno di tutti, dalle istituzioni ai cittadini. In un Paese che dimentica troppo facilmente la sua storia, ecco arrivare in supporto la fotografia, capace anch'essa di fare memoria e di richiamarci al nostro impegno.

AdnKronos

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa