Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Sicilia prima regione per episodi di corruzione

Cronache Italia

Sicilia prima regione per episodi di corruzione

Per il 64% degli studenti interpellati è una “minaccia alla democrazia”
I dati rilevati da Anac e le riflessioni di studiosi e allievi al centro della quarta conferenza
Un appello all'accoglienza dal brano inedito del migrante italo nigeriano Chris Obehi “Non siamo pesci, siamo umani”

È la Sicilia la regione che nel triennio 2016 -2019 ha registrato più episodi di corruzione, 28, stando all'ultimo rapporto Anac “Numeri, luoghi e contropartite del malaffare in Italia”, una cifra pari al 18,4% del totale, quasi quanti gli episodi rilevati in tutte le regioni del Nord (29 nel loro insieme). Seguono Lazio (22 casi), Campania (20 episodi), Puglia (16) e Calabria (14).
È uno dei dati emersi nel corso della quarta conferenza del Progetto educativo antimafia e antiviolenza intitolata “La corruzione e il nuovo sistema politico - mafioso” promossa dal centro studi Pio La Torre al cinema Rouge et Noir di Palermo.
“Se è vero che il numero degli episodi è maggiore al Sud, l'entità del fenomeno è più consistente al Nord, come ha mostrato la tangente sul Mose”, ha detto Isaia Sales, docente all'Università degli studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, tra i relatori della conferenza. Lo studioso ha poi aggiunto: “La corruzione è lo sgabello sul quale le mafie sono salite per fare il salto di qualità e pervadere il sistema politico ed economico, agendo sottotraccia”.
Sulla stessa linea il sociologo Alberto Vannucci, dell'Università di Pisa: “È un reato silenzioso che non crea allarme sociale, ma diventa presto pervasivo attaccando non solo la sfera pubblica ma ogni aspetto della vita quotidiana, dagli appalti all'educazione”.
“Il rapporto Anac sottolinea una 'smaterializzazione' della tangente - ha ricordato il moderatore Franco Garufi, del Centro studi - con dati sottostimati e bandi su misura, infatti, è la promessa del posto di lavoro la nuova tangente”.
Un dato di cui sono consapevoli gli studenti coinvolti, oltre 400 quelli presenti in sala e provenienti da una dozzina di istituti siciliani, che si sommano alle 5 scuole collegate in videoconferenza anche da altre regioni. Per il 62% dei ragazzi che hanno partecipato al questionario di oggi, la corruzione “Fa perdere la fiducia dei cittadini nello Stato e nelle istituzioni politiche”, e a essere convinti che sia ormai “radicata nel sistema politico amministrativo italiano” è il 50% degli studenti. Per il 64% è una “minaccia alla democrazia perché premia selettivamente i politici più voraci e spregiudicati trasformando in merce di scambio i beni della collettività”.
“I ragazzi percepiscono la gravità del fenomeno che colpisce il rapporto di fiducia tra Stato e cittadini e incide sul loro futuro - ha detto il presidente del centro studi Pio La Torre, Vito Lo Monaco - per questo va sciolto il nodo tra mafia, affari e politica”.
All'interno della conferenza anche un appello all'integrazione con il brano “Non siamo pesci, siamo umani”, composto e cantato da Christopher Goddey (in arte Chris Obehi): 22 anni, mamma cantante gospel e padre fan sfegatato di Bob Marley, Chris scappa dalla guerra in Nigeria e raggiunge l'Italia nel 2015. Mentre è in comunità impara a suonare la chitarra guardando video su Youtube e quando arriva a Palermo nel 2016 scopre le canzoni “difficili, dolorose e bellissime” di Rosa Balistreri che gli valgono il 'XIX Premio Rosa Balistreri e Alberto Favara' consegnato all'Auditorium della Rai a Palermo. “Grazie a Rosa ho imparato il dialetto siciliano e mi sono sentito accolto come un figlio qui in Sicilia - ha detto - ora il mio primo disco, prodotto con un finanziamento in crowdfounding sarà a febbraio a Casa Sanremo”.
“Averlo qui è un gesto di grande solidarietà - ha detto il presidente Vito Lo Monaco - Chris è un giovane migrante che ha grandi capacità e al quale auguriamo un futuro migliore del suo passato”.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa