Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Operazione ''Rinascita Scott'', Pittelli si difende: ''Ne' massone deviato ne' mafioso''

Cronache Italia

Operazione ''Rinascita Scott'', Pittelli si difende: ''Ne' massone deviato ne' mafioso''

Udienza davanti al riesame per l'ex senatore Fi in inchiesta Rinascita Scott
di AMDuemila
"Respingo con forza l'accusa che mi viene contestata: non appartengo ad alcuna loggia massonica deviata, ne' a cosche di 'Ndrangheta". Con queste parole l'avvocato Giancarlo Pittelli, ex parlamentare di Forza Italia, coinvolto nell'inchiesta "Rinascita Scott" della Dda di Catanzaro che il 19 dicembre scorso ha portato all'arresto di oltre trecento persone, si è difeso nel corso dell'udienza del Tribunale del riesame di Catanzaro, presieduto da Giulio De Gregorio, al quale i difensori del penalista hanno chiesto la revoca dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a suo carico. Gli inquirenti contestano all'avvocato Pittelli di essere intraneo alla cosca dei Mancuso e particolarmente vicino al boss Luigi Mancuso. Il penalista, collegato in videoconferenza dal carcere di Nuoro, precisando di non volersi sottrarre ad alcun chiarimento, ha parlato a lungo, in presenza dei suoi difensori, gli avvocati Salvatore Staiano e Guido Contestabile, ripercorrendo il suo excursus professionale e politico. I due pm d'udienza, Annamaria Frustaci e Antonio De Bernardo, hanno chiesto la conferma del provvedimento restrittivo e del capo d'imputazione di associazione mafiosa, così come qualificato dal Gip, a carico di Pittelli. I pubblici ministeri, inoltre, per quanto riguarda la posizione di Pittelli, hanno depositato i verbali con le dichiarazioni del pentito Vincenzo Marino e altri atti riguardanti, tra gli altri, il tenente colonnello dei carabinieri Giorgio Naselli, ex comandante del Reparto operativo di Catanzaro. La decisione del Tribunale è attesa entro lunedì prossimo.

Fonte: ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa