Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Ilaria Cucchi: ''Quello che e' accaduto a mio fratello non deve essere dimenticato''

Cronache Italia

Ilaria Cucchi: ''Quello che e' accaduto a mio fratello non deve essere dimenticato''

"Un onore che strade intitolate a Stefano"
Pistoia. L'intitolazione di piazze o vie a Stefano "per me sarebbe importante. Oltre che essere chiaramente un onore, sarebbe significativo, ma non certamente per manie di protagonismo". Lo ha detto Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, oggi a Pistoia dove ha ritirato il premio Antonino Caponnetto per la cultura della legalità 2019. "Quello che è accaduto a Stefano - ha spiegato - e soprattutto quello che è accaduto dopo la morte di Stefano, mi riferisco ad anni e anni di processi a vuoto, causati da coloro che oggi sono sul banco degli imputati, in particolare" gli ufficiali "dei carabinieri per i cosiddetti depistaggi, deve non essere dimenticato, perché tutta questa battaglia, questa fatica non deve essere stata vana, in qualche maniera bisogna per forza avere aperto una strada, oltre che avere svegliato le coscienze. Mi rendo conto - ha aggiunto Ilaria Cucchi - che rispetto a dieci anni fa di passi avanti ne sono stati fatti tanti, anche e soprattutto dal punto di vista culturale. Stefano Cucchi non è più soltanto una questione della sua famiglia, ma è diventato un qualcosa che appartiene all'intera collettività. Tante persone si riconoscono in noi, non per quello che abbiamo vissuto con la morte di Stefano, ma per come siamo stati trattati".

ANSA

 

 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa