Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Don Ciotti: ''Il giornalismo e' uno dei pilastri della democrazia''

Cronache Italia

Don Ciotti: ''Il giornalismo e' uno dei pilastri della democrazia''

di AMDuemila
Il fondatore di Libera intervenuto all’incontro Informazione e mafie in ricordo di Roberto Morrione
Il giornalismo è uno dei pilastri della democrazia. Con Roberto Morrione abbiamo imparato che deve essere fatto con continuità, con approfondimento e che deve essere a servizio della collettività. Ma oggi per capire e raccontare le mafie, c’è tanta strada da fare in casa nostra, alcune sentenze ci portano interrogativi”. A dirlo il fondatore di Libera don Luigi Ciotti durante l’appuntamente “Notizie sotto scorta. Il ruolo del giornalismo nella battaglia contro le mafie” racchiuso nell’evento in dedicato al primo direttore di Rainews24 e fondatore, con don Ciotti, di “Libera”, Roberto Morrione, intitolato “Informazione e mafie”. “Lo sguardo - ha aggiunto don Ciotti - deve essere molto più ampio. Le nostre mafie sono ovunque, sulla piazza d’Europa e non solo. Dobbiamo quindi guardare non solo al nostro paese. È questo ciò che cerca di fare Libera - ha spiegato - allargando la sua rete a livello europeo e internazionale”. Insieme a lui è intervenuta anche la giornalista sotto scorta di la Repubblica Federica Angeli. “Noi giornalisti corriamo grandi rischi parlando di mafia precedendo le sentenze e, con l'opinione pubblica, condividiamo la grande responsabilità di chiamare le mafie per nome. Ma partono così le rivoluzioni e le persone alzano finalmente la testa”. A contribuire al dibattito sul tema anche il neo assessore della giunta regionale del Lazio Giovanna Pugliese, con delega al Turismo e alle Pari opportunità, la quale ha assicurato il suo impegno a stretto contato con l’Osservatorio per la legalità e la sicurezza della Regione. “Tutti possiamo fare qualcosa - ha affermato - ma ci vogliono coraggio e sacrificio”.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa