Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Ospedale Vasto. Sconcerta che un dirigente pubblico attacchi chi presenta esposti

Cronache Italia

Ospedale Vasto. Sconcerta che un dirigente pubblico attacchi chi presenta esposti

Azione Civile: sostegno alla lotta di Marie Hélène Benedetti e a tutti coloro che vedono violati diritti sacrosanti

Azione Civile, movimento fondato dall’ex pm e oggi avvocato Antonio Ingroia, esprime sconcerto per gli ultimi capitoli delle annose e travagliate vicende dell’ospedale di Vasto. Un ospedale dove, dopo anni di promesse e annunci, l’emodinamica appare sempre più una chimera e quasi periodicamente vengono lanciati allarmi per mancanze e depotenziamenti. Che, in tutto questo scenario, si debba registrare la chiusura da parte dei Nas della cucina (e ricordiamo che i pasti sono stati affidati, incredibilmente, ad una società privata che li fa viaggiare quotidianamente per mezza provincia) già dovrebbe bastare per portare lo sconcerto a livelli inaccettabili. E non commentiamo, solo perché ormai manca qualsiasi parola che possa descriverli come meritano, le reazioni e gli scaricabarile della “politica” (le virgolette non sono casuali) che per anni ha taciuto, racconto “verità di comodo” e ignorato quanto stava accadendo a Vasto (descrivendo la situazione come quella di un paradiso in terra esistente solo nelle loro chiacchiere elettorali e propagande...). A detta del supermanager, poi, sarebbero necessari per ristrutturare e rimettere a norma una cucina 500.000 euro che l’Azienda Sanitaria non avrebbe. In pratica il pubblico, che dovrebbe controllare e vigilare sul rispetto delle leggi da parte degli altri, afferma candidamente che non avrebbe i soldi per farlo... E, invece, assistiamo addirittura al supermanager neo nominato (e che, come i suoi colleghi delle altre ASL, ha visto lo stipendio aumentare rispetto ai predecessori prima ancora della nomina) attaccare sui social chi ha denunciato le carenze riscontrate dai Nas. Addirittura addossando a loro, testualmente “colpe”. Per poi aggiungere che a Vasto non si cucinava più e non si cucinerà più. Un atteggiamento che ci ricorda epoche, dominate da una “politica” che considerava il bene comune solo occasione per ostentazione di potere, clientele e favori, probabilmente mai finite in questo territorio. E che solo la penna del Silone di Fontamara ha saputo descrivere come necessario. Ma qui non ci sono, o almeno non dovrebbero, esserci principi di Torlonia.

E la stessa ASL che dovrebbe garantire i diritti dei più deboli e fragili. Lo sancisce la Costituzione, una miriade di leggi e il significato di quella che viene ancora definita “sanità pubblica”. Ma, come già sottolineato nelle scorse settimane, troppo spesso non è così dieci anni dopo “Sanitopoli” - ed è francamente inaccettabile che gli ospedali soffrono ancora vere e proprie mannaie economiche mentre aumentano sempre più i finanziamenti alle cliniche private - e dall’allora sbandierata fine del commissariamento. Marie Hélène Benedetti, nonostante una sentenza di tribunale e le recenti “rassicurazioni” dell’assessore Verì, si ritrova a dover proseguire la propria protesta sempre più drammatica ed esasperata. Per vedere riconosciute le giuste e sacrosante cure al figlio Thomas Marie Hélène ha annunciato in questi giorni che si appresta ad iniziare uno sciopero della fame e della sete. Il suo indignato grido, così come quello di altre famiglie che segnalano analoghe situazioni, lo facciamo nostro. Torniamo ad esprimerle solidarietà e sostegno, ritenendo vergognoso e inaccettabile quanto sta subendo.

Azione Civile ribadisce che è a disposizione di tutti coloro che subiscono questi drammi e ingiustizie e che siamo contattabili all’email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o sulle pagine facebook “Azione Civile Abruzzo” e “Azione Civile Vastese”

Azione Civile Abruzzo

ARTICOLI CORRELATI

Video - Benedetti: ''Da lunedì inizierò lo sciopero della sete e della fame per mio figlio''

Solidarietà e sostegno a Marie Hélène Benedetti

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa