Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia I cittadini contro le mafie e la corruzione

Cronache Italia

I cittadini contro le mafie e la corruzione

di Associazione nazionale di volontariato
Già in passato avevo sollevato il problema di soggetti che autoproclamati o indicati da associazioni quali “familiari di vittime innocenti di mafia” - senza avere alcun riconoscimento ministeriale e nonostante gli atti giudiziari attribuissero a ben altre ragioni la perdita del congiunto - venivano, nella qualità, invitati a partecipare a convegni e manifestazioni in favore della legalità, finendo con il generare confusione, a volte anche lesiva per l’intera categoria.”
A tornare sulla questione dei facili riconoscimenti che pregiudicano l’immagine e l’operato di chi è impegnato nel sociale in favore della legalità, è Giuseppe Ciminnisi, coordinatore nazionale dei familiari delle vittime innocenti di mafia dell’associazione “I cittadini contro le mafie e la corruzione”.
“La recente vicenda dell’assistente parlamentare Antonello Nicosia, accusato di essere stato l’insospettabile messaggero dei boss detenuti a regime di 41bis - dichiara Ciminnisi - conferma la necessità di adottare maggiori cautele prima di assegnare ruoli, invitare e presentare qualcuno come soggetto impegnato su temi come la legalità, la lotta alla mafia e la difesa dei diritti inalienabili di ogni essere umano.
Il mondo dell’antimafia, di recente ha dovuto fare i conti con una crisi che rischia di cancellare decenni di lotta contro il fenomeno mafioso, pagata con il sangue di tante vittime innocenti e di servitori dello Stato.
Troppi miti, troppi simboli di questa lotta, nel tempo si sono rivelati soltanto copertura di un malaffare, di una mafia, che non era più - o non era soltanto - quella delle coppole e delle lupare.
Nicosia era impegnato nel sociale, teneva seminari universitari, era assistente parlamentare e direttore dell’Osservatorio Internazionale Diritti Umani. Tutti ruoli che hanno fatto di lui “un insospettabile”, nonostante i gravi precedenti giudiziari che lo avevano visto riportare una condanna a 10 anni e sei mesi per traffico di droga.
In attesa che la giustizia faccia il suo corso, a prescindere dall’esito che avrà l’attività giudiziaria, non posso fare a meno di denunciare la leggerezza con la quale si assegnano ruoli e titoli. Parole come giustizia e legalità, pronunciate da taluni soggetti, non soltanto appaiono vuote, ma risultano offensive e dannose nei riguardi delle tante persone che credono veramente in questi principi e che talvolta portano addosso cicatrici di ferite che non si sono mai rimarginate.
È necessario dunque - conclude Ciminnisi - che ci sia una maggiore responsabilità da parte di quanti fino ad oggi hanno rilasciato facili patenti di onestà che traggono in inganno chiunque su questo faccia affidamento, a cominciare dai componenti dell’assemblea legislativa dello Stato che prima di avvalersi di una collaborazione dovrebbero quantomeno assumere quel minimo di informazioni che impediscano in futuro ulteriori casi come quello che ha visto coinvolto l’assistente parlamentare dell’onorevole Pina Occhionero.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by I.M.D.

Estorsioni, spaccio di droga, violenza e controllo totale...

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

by Silvia Camerino

"La promessa di essere umana e sognatrice, così...


IL SISTEMA MONTANTE

IL SISTEMA MONTANTE

by Salvatore Petrotto

Anno 2007, la mafia cambia pelle, indossa la...

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...


ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...

SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa