Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia ''Condividere per moltiplicare'': inpiazzetta Bagnasco le analisi illuminate di Yuval Noah Harari sul futuro dell'umanità

Cronache Italia

''Condividere per moltiplicare'': inpiazzetta Bagnasco le analisi illuminate di Yuval Noah Harari sul futuro dell'umanità

Con “Sapiens. Da animali a dèi” abbiamo parlato di potenzialità umane e di cosa, grazie alla tecnologia, è stato possibile realizzare sino a oggi.
Con ''Homo Deus'', invece, ricordandoci che nella seconda metà del XX secolo l'umanità è riuscita in un'impresa che per migliaia di anni è parsa impossibile e cioè tenere sotto controllo carestie, pestilenze e guerre, Yuval Noah Harari ci dice che oggi potrebbe essere più probabile che l'uomo medio muoia per un'abbuffata da McDonald's che per la siccità, il virus Ebola o un attacco di al-Qaida.
«Nel XXI secolo, in un mondo economicamente prospero e in pace - scrive lo stesso autore - coltiviamo con strumenti sempre più potenti l'ambizione antica di elevarci al rango di divinità, di trasformare ''Homo sapiens'' in ''Homo Deus''. E allora cosa accadrà quando robotica, intelligenza artificiale e ingegneria genetica saranno messe al servizio della ricerca dell'immortalità e della felicità eterna? Saremo in grado di proteggere questo fragile pianeta e l'umanità stessa dai nostri nuovi poteri divini? ».
Concetti illuminanti, quelli offerti da uno storico, saggista e professore universitario israeliano come Harari, che daranno ulteriori spunti di approfondimento grazie al confronto - in programma alle 19 di giovedì 19 settembre in piazzetta Bagnasco - con Oscar Pizzo, musicista ed ex direttore artistico della Fondazione Teatro Massimo, e Donato Didonna, presidente dell’Associazione “Piazzetta Bagnasco” che organizza insieme a Cappadonia Gelati quale sponsor unico.
L’evento fa parte del ricco cartellone di appuntamenti di “Condividere per Moltiplicare”, progetto che l’Associazione “Piazzetta Bagnasco” sta promuovendo nell’omonima piazzetta per appassionare il pubblico attraverso la conoscenza di libri, best seller anche poco conosciuti, che hanno contribuito alla crescita personale di docenti, professionisti e imprenditori, pronti in tal modo a “contaminare” positivamente anche la vita di altre persone. La partecipazione è, come sempre, libera e gratuita.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...

A CASA NOSTRA

A CASA NOSTRA

by Danilo Guerretta, Monica Zornetta

"Parlare di mafia in Veneto? Ma se qui...


MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by Sergio Nazzaro

Nel dicembre 2012, dopo la denuncia di una...

MALAPUGLIA

MALAPUGLIA

edited by Andrea Leccese

Il fenomeno mafioso attecchisce in Puglia con molto...


IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa