Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Mafia: libero dopo 17 anni, mafioso apre profilo Facebook

Cronache Italia

Mafia: libero dopo 17 anni, mafioso apre profilo Facebook

Moglie è pentita e cercò di farlo collaborare per amore figli
Palermo. Il mafioso e estorsore Pino Rizzo, 51 anni, che aveva la sua influenza criminale tra Cerda Sciara e Trabia in provincia di Palermo, braccio armato del boss Nino Giuffrè, tornato in libertà dopo 17 anni di carcere (e un'assoluzione per omicidio) ha aperto una pagina Facebook in cui dichiara l'amore per i suoi figli, gli stessi che gli consigliarono di seguire il percorso della propria madre Carmela Iuculano, che dopo l'arresto cominciò a collaborare con la giustizia. L'uomo, scrive il Giornale di Sicilia, vive con una donna a Campofelice di Roccella (Pa) e ogni tanto scrive su Fb frasi che rimandano all'affetto per i tre figli, due femmine e un maschio, che hanno cambiato nome e vivono con la madre. "L'ho fatto soprattutto per i miei figli: con il mio arresto credevo che mio marito si sarebbe deciso a collaborare sapendo che io non c'entravo proprio, ed invece no. Allora ho avuto paura di perderli e ho fatto questa scelta per il loro bene", disse Iuculano dopo la decisione di collaborare nel 2004. Era stata arrestata il 3 maggio per concorso in associazione mafiosa e messa ai domiciliari perché madre di tre bimbi, il più piccolo aveva 3 anni: le sue accuse portarono all'arresto anche del marito del suocero e del fratello. I mafiosi furono processati a Firenze e in un'udienza la donna raccontò: 'Fin da prima dell'arresto di mio marito io gli dicevo di andarsene dal giro ma lui mi rispondeva sempre che non lo poteva fare perché sarebbe stato ammazzato. Una volta anche mia figlia glielo disse: 'Papà, vedi che la mamma ti ricorda e bene'; ma mio marito gli rispose: 'Ma papà è nato per fare questo'".

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa