Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Piena solidarieta' e vicinanza a Rosa Maria Dell'Aria, docente nell'istituto industriale Vittorio Emanuele III di Palermo

Cronache Italia

Piena solidarieta' e vicinanza a Rosa Maria Dell'Aria, docente nell'istituto industriale Vittorio Emanuele III di Palermo

L'Associazione Antimafie "Rita Atria" esprime piena solidarietà e vicinanza a Rosa Maria Dell'Aria, docente nell'istituto industriale Vittorio Emanuele III di Palermo, raggiunta da provvedimento disciplinare e sospesa per 15 giorni, con stipendio dimezzato, per non aver vigilato, secondo l'accusa dell'ufficio scolastico provinciale, sul lavoro dei suoi alunni, i quali in occasione della Giornata della memoria dello scorso 27 gennaio avevano elaborato una videoproiezione accostando la promulgazione delle Leggi Razziali del 1938 al Decreto Sicurezza del Ministro dell’Interno Matteo Salvini. Crediamo fermamente che la libertà di pensiero e di espressione siano diritti basilari in una Stato di Diritto, come la libertà di insegnamento, garantita dalla nostra Costituzione. Il provvedimento intrapreso invece mira a colpevolizzare l'insegnante e a screditarne il ruolo di formatrice, ma allo stesso tempo serve a lanciare un monito all'intera categoria. Non si intende più valorizzare il ruolo degli insegnanti come guide e formatori, che promuovano la cultura, lo sviluppo di senso critico e l'autodeterminazione delle giovani generazioni, ma bensì si intende relegare questi al ruolo di funzionari e all'occorrenza di censori, obbligati a "vigilare" e "vietare" ogni forma di dissenso e di pensiero non allineato. Paradossalmente un simile provvedimento rafforza quel "parallelo" che ha fatto gridare allo scandalo, e agitare telefoni e veline ministeriali. La censura di Stato come l'indottrinamento e il controllo dell'istruzione scolastica sono stati fondamentali nell'esercizio del potere dei regimi totalitari. Se si è ritenuto offensivo l'accostamento alle Leggi razziali del '38 non si capisce la scelta di disertare e delegittimare la Festa del 25 aprile che celebra proprio la Liberazione d'Italia da chi quelle leggi volle promulgare. Non intendiamo restare a guardare chi quotidiano lavora per limitare le libertà individuali e collettive, e calpesta il patrimonio resoci dalla Resistenza...

Associazione Antimafie "Rita Atria"

ARTICOLI CORRELATI

ANPI Sicilia: solidarieta' alla professoressa Rosa Maria Dell'Aria

Libertà d’insegnamento e censure ai docenti: dove va la scuola?

Se decide la Digos la scuola e' in pericolo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa