Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Agguato Pesaro: moglie pentito, vogliamo aiuto dallo Stato

Cronache Italia

Agguato Pesaro: moglie pentito, vogliamo aiuto dallo Stato

Cognato Marcello Bruzzese era stato ucciso da sicari a Natale
Pesaro. La moglie del collaboratore di giustizia Girolamo Bruzzese, il cui fratello è stato ucciso a Pesaro in via Bovio il giorno di Natale 2018 da due sicari di 'ndrangheta, ha lanciato un appello attraverso i media al ministro degli Interni Matteo Salvini affinché tuteli in maniera più decisa la loro incolumità dopo l'omicidio del cognato Marcello Bruzzese. "Noi abbiamo figli - ha spiegato tramite una persona vicina - che hanno subito di tutto, sono stati lesi i loro diritti sin dalla tenera età. Noi non viviamo più dalla tragedia del giorno di Natale". La donna ha riferito di abitare ancora a Pesaro "dove hanno ucciso mio cognato. Nonostante la solidarietà dei momenti successivi, noi vogliamo delle garanzie, vogliamo lasciarci alle spalle questa situazione. Vogliamo essere aiutati dallo Stato che abbiamo deciso di aiutare con le dichiarazioni di mio marito".
Afferma di aver avuto il nome sul campanello perché era stato tolto il nome di copertura per un banale rinnovo della patente. Alla moglie del collaboratore di giustizia era già stato ucciso nel 2004 il padre, un agricoltore calabrese, come ritorsione per la collaborazione con la giustizia da parte del marito: "Mio padre non c'entrava affatto - fa sapere - Aveva un passato cristallino ma non ha avuto lo status di vittima di mafia.
Voglio dirlo anche per mia madre, abbiamo fatto la richiesta per lo status di vittima di mafia, la prefettura diede l'ok ma il ministero si oppose. Abbiamo fatto causa - ha riferito - vinto il primo grado di giudizio ma perso l'appello, perché il ministero ha presentato documentazione fuori termine". "Vogliamo tornare a vivere - è il suo appello finale - dopo queste due immani tragedie, aiutateci".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa