Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Urologo morto: Sarti, l'indagine e' da rifare

Cronache Italia

Urologo morto: Sarti, l'indagine e' da rifare

sarti giulia c imagoeconomica 0

Oggi sono 15 anni dalla morte di Attilio Manca

ROMA. A 15 anni dalla tragica morte del medico Attilio Manca, le indagini sono tutte da rifare. Il mio pensiero oggi va alla sua famiglia, alla sua coraggiosa mamma, e a tutto il mondo dell'antimafia che continua a cercare la verità. Così Giulia Sarti, Presidente della Commissione Giustizia della Camera e deputata del MoVimento 5 Stelle, in occasione dell'anniversario della scomparsa del brillante e giovane urologo in merito alla quale esistono, inascoltate - precisa Sarti - le dichiarazioni inquietanti di diversi pentiti di mafia tra i quali Giuseppe Campo, Stefano Lo Verso, Michele Setola e Carmelo DAmico, ritenuti attendibili nei processi a Cosa nostra in diversi tribunali del Paese. E una vicenda sulla quale la Procura e il Tribunale di Viterbo - Manca fu trovato senza vita nel suo appartamento della cittadina laziale - hanno svolto un lavoro lacunoso, come ho ampiamente documentato nella mia relazione di minoranza nella Commissione Antimafia della scorsa legislatura. Se tutt'oggi è passata la versione ufficiale della morte da overdose, per una persona che non usava droghe, e se è stato possibile costruire a tavolino il momento presunto della morte, non compatibile con molti riscontri oggettivi, allora dobbiamo concludere che in troppi ancora vogliono ostacolare la verità. L'inchiesta va riaperta e spero che l'attuale Commissione Antimafia posso riparare agli errori della precedente, conclude Sarti. Il medico siciliano fu trovato morto nella sua casa di Viterbo l'11 febbraio del 2004. I familiari non hanno mai creduto al suicidio ma ritengono che l'urologo sia stato ucciso per aver operato (o aver assistito all'operazione) del boss Bernardo Provenzano a Marsiglia.

ANSA

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

XV Commemorazione per la morte di Attilio Manca. Un caso italiano di giustizia ''egiziana''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa