Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Diffamazione a Enzo Bianco, Gip Catania rigetta archiviazione e dispone imputazione coatta

Cronache Italia

Diffamazione a Enzo Bianco, Gip Catania rigetta archiviazione e dispone imputazione coatta

tribunale catania

Catania Bene Comune: "Nessuna querela rallenta l'impegno a cambiare la città"

di AMDuemila
La ricostruzione di un telefonata tra l'allora sindaco di Catania, Enzo Bianco, e l'editore Mario Ciancio sul voto in aula per l'approvazione di una variante al Pua fatta in una nota da Matteo Iannitti di 'Catania bene comune' pubblicata sul sito Iene Sicule, diretto dal giornalista Marco Benanti, è "tale da 'suggerire' e diffondere una 'notizia' nuova ed ulteriore, tuttavia non riscontrata, ossia la contiguità di Bianco con ambienti mafiosi". E' con questa motivazione che il Gip Salvatore Ettore Cavallaro lo scorso 4 febbraio ha accolto il ricorso del professore Giovanni Grasso, che rappresentava Enzo Bianco, rigettando la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura e disponendo l'imputazione coatta per diffamazione di Matteo Iannitti ed il giornalista Marco Benanti nei confronti dell'ex sindaco.
Benanti, direttore del sito, non aveva fatto altro che pubblicare il comunicato di "Catania bene Comune".
"Non commentiamo la decisione del giudice - scrive in una nota Catania Bene Comune - Sarà il legale nominato da Matteo Ianniti a far valere le nostre ragioni in sede processuale. Precisiamo che ci siamo limitati, in quel comunicato, a commentare politicamente notizie apparse sugli organi di stampa circa i fatti di cronaca e a commentare l'intercettazione telefonica tra l'imprenditore ed editore Mario Ciancio e l'allora candidato sindaco di Catania, Enzo Bianco, sulla variante urbanistica del Sua che prende la cementificazione del litorale della Plaia di Catania". E poi ancora: "Nessuna quella rallenterà la nostra attività politica o fermerà l'impegno per cambiare la nostra città. Continueremo a dire e a scrivere quella che per noi è la verità. Per la giustizia, per Catania". Solidarietà dopo l'imputazione è stata avanzata anche da Rifondazione Comunista che ha anche evidenziato come "a Marco Benanti va riconosciuto il coraggio della pubblicazione di un comunicato scomodo, e di avere garantito il diritto all'informazione alla cittadinanza tutta".


La redazione di ANTIMAFIADuemila esprime la propria solidarietà a Marco Benanti e Matteo Ianniti solo per aver ripreso e pubblicato notizie già apparte sugli organi di stampa.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa