Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Niscemi, si valuta la dismissione di alcune antenne Usa. Tavolo al ministero, possibile la restituzione al territorio

Cronache Italia

Niscemi, si valuta la dismissione di alcune antenne Usa. Tavolo al ministero, possibile la restituzione al territorio

Nella base statunitense niscemese, da ben prima che venisse collocato il Muos, ci sono 46 antenne che permettono alla marina militare di comunicare e che contribuiscono all'inquinamento elettromagnetico. La Difesa starebbe studiando il piano per eliminarle
di Salvo Catalano

no muoso c fabio d alessandro

Una parte della base statunitense di Niscemi che custodisce il Muos potrebbe essere smilitarizzata e tornare nella disponibilità del Comune. La premessa è d'obbligo: non si tratta di una marcia indietro sulle tre parabole satellitari contro cui da anni si battono gli attivisti, ma dentro quella base, operativa dal 1991 all'interno di un sito di interesse comunitario come la Sughereta, da ben prima che venisse collocato il Muos, ci sono 46 antenne che permettono a uomini e mezzi della marina militare statunitense, compresi aerei e sottomarini, di scambiarsi comunicazioni riservate. Ecco, al ministero della Difesa italiano da qualche tempo è attivo un tavolo tecnico che starebbe valutando la dismissione di una parte di queste antenne (la metà in realtà non è operativa), con la conseguente restituzione alla collettività di alcune zone della base. 

Al momento dal ministero non trapelano ulteriori dettagli, ma negli ultimi tempi sono diversi i segnali che vanno a conferma di quanto si muove nella massima riservatezza. Lo scorso 20 gennaio, la ministra della Difesa, la pentastellata Elisabetta Trenta, è stata in Sicilia per essere presente alla dismissione di un'altra area sino a oggi militarizzata: la base Usa Comiso, un'enorme area limitrofa all'aeroporto Pio La Torre, ceduta alla Regione che a sua volta l'ha concessa per vent'anni al Comune. In quell'occasione Trenta, nell'intervista rilasciata a La Sicilia, disse a proposito del Muos: «Da parte mia c’è tutta la volontà di chiarire ogni aspetto e andare incontro alle esigenze della cittadinanza. È quello che stiamo facendo anche con le cessioni di alcune aree, è quello che abbiamo fatto ieri a Comiso. È giusto che quelle aree di cui la Difesa non ha più bisogno in modo esclusivo siano cedute ai territori per creare sviluppo e occupazione».

Stesso schema è stato adottato poco tempo fa in Sardegna, dove il ministero ha restituito alla Regione una delle spiagge più belle della parte meridionale dell'Isola, Porto Tramatzu. Si farà altrettanto a Niscemi? La strada sembra essere segnata. D'altra parte non si tratterebbe di un regalo. In realtà infatti alla realizzazione del Muos, presentato dalla Marina statunitense come una tecnologia migliorativa rispetto alle 46 antenne NRTF, si sarebbe dovuta accompagnare l'eliminazione proprio delle vecchie antenne che usano una gamma di frequenze che va dalle ultra e altissime a quelle estremamente basse in grado di penetrare sott'acqua in profondità. Fattore di non poca importanza, visti i rischi legati all'esposizione alle onde elettromagnetiche, tema centrale nella battaglia contro il Muos.

meridionews.it

Foto © Fabio D'Alessandro

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa