Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Video - Palermo: folla in piazza contro il decreto sicurezza. L’arcivescovo: ''No a disumani decreti''

Cronache Italia

Video - Palermo: folla in piazza contro il decreto sicurezza. L’arcivescovo: ''No a disumani decreti''

orlando leoluca comune c ansaIl sindaco Orlando attacca il governo nazionale. Collegamento con la nave Sea Watch: "Noi in balìa delle onde, aprite i porti". L'Ansa: agenti della Digos all'ufficio anagrafe. Ma la questura smentisce
di Sara Scarafia
Nonostante il freddo e la pioggia si è affollata rapidamente piazza Pretoria, davanti al Municipio di Palermo, per il sit-in, nato spontaneamente sui social, contro il decreto sicurezza nella parte che riguarda i migranti. Il sindaco Leoluca Orlando torna ad attaccare il governo mentre l’arcivescovo Corrado Lorefice invita a non rimanere in silenzio davanti a “disumani decreti”. In piazza esponenti del terzo settore, associazioni tra cui Legambiente, Anpi, la Cgil, ma anche gruppi studenteschi e privati cittadini.
Orlando contro il governo. "Al nervosismo del ministro Salvini, rispondo che io ho esercitato le mie funzioni di sindaco e ho sospeso l'applicazione di norme di esclusiva competenza comunale che potevano pregiudicare i diritti umani dei migranti che sono persone", ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, accolto da un lungo applauso al suo arrivo al sit-in. Orlando attacca anche il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli che ha contestato la protesta dei sindaci: "Il porto di Palermo è aperto e accoglie i migranti, dico al ministro Toninelli di smetterla di fare il pupo nelle mani dell'eversivo Salvini".
L’omelia dell’arcivescovo. “Tu Gesù sei stato il primo profugo dell’era cristiana. Aiutaci ad aiutare ogni uomo che chiede accoglienza. Rendici capace di preparare il vero presepe, di aprire le nostre strutture e le nostre famiglie. Che non ci accada di rimanere in silenzio dinnanzi ai “dis”-umani decreti che aggravano la sofferenza di chi è vessato dalla povertà e dalla guerra”.



Il sindaco in piazza. Orlando alla fine della messa raggiunge la piazza che lo accoglie con un applauso e lo interrompe spesso per applaudirlo ancora. “I migranti sono persone - dice Orlando alla piazza - questo decreto prevede norme criminogene e disumane. Per la parte che mi compete l’ho sospeso perché costringe persone che vivono nella legalità a vivere nella illegalità. Non esistono migranti economici: sono tutte persone alle quali vengono negati i diritti nonostante abitino in Italia. So cosa rischio. Ma mi assumo la mia responsabilità. Voglio promuovere un giudizio civile per la violazione di diritti umani. Il nervosismo e gli insulti sono di chi non ha argomentazioni”.
Gli uffici. L'agenzia Ansa ha riferito che questa mattina alcuni agenti della Digos si sono presentati all'ufficio anagrafe del Comune di Palermo, dopo quanto affermato dal sindaco Leoluca Orlando sulla sospensione delle procedure previste dal decreto sicurezza e sulle direttive impartite al capo area Maurizio Pedicone. "Hanno chiesto - sono le dichiarazioni degli impiegati riportate dall'Ansa - cosa accade quando vogliamo regolarizzare la posizione di un richiedente asilo e quali sono le procedure che stiamo seguendo". Ma la questura smentisce seccamente: "Tale notizia è destituita di ogni fondamento e nessun dipendente della locale Digos ha fatto accesso nei predetti uffici comunali, in data odierna". La stessa risposta ha dato ai giornalisti a Pescara il ministro degli Interni, Matteo Salvini: "La notizia è già stata smentita, nessuna perquisizione".

palermo.repubblica.it

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa