Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Calcio, vergogna ultras: La Vardera e gli insulti per la sua lotta alla mafia

Cronache Italia

Calcio, vergogna ultras: La Vardera e gli insulti per la sua lotta alla mafia

la vardera ismaele iene palermoNel film de Le IeneIl sindaco, Italian politics for dummies” in cui ha svelato i retroscena della politica, Ismaele La Vardera ha denunciato anche un boss che voleva vendergli voti. Per questo allo stadio di Palermo gli sono stati gridati insulti e minacce. Ecco la sua risposta “Non vogliamo sbirri in curva, te ne devi andare”. Un altro episodio che ci fa vergognare arriva da uno stadio, da una curva, protagonisti di un fine anno di scontri e tensioni dopo il mercoledì tragico di Inter-Napoli, con una vittima e l’assalto degli ultras nerazzurri contro quelli partenopei fuori dallo stadio. L’insulto e la minaccia sono stati rivolti questa volta, durante la partita di serie B Palermo-Ascoli, al nostro Ismaele La Vardera, che con il film de Le IeneIl sindaco, Italian poltics for dummies”, nei cinema ai fine novembre e in prima serata su Italia1 il 16 dicembre, ha raccontato i retroscena della politica registrando con una telecamera nascosta tutto quello che avveniva durante la sua candidatura a sindaco di Palermo del 2017, comprese le proposte indicibili, arrivate anche dalla mafia. Per alcuni ultras del Palermo, Ismaele è “uno sbirro”, per aver raccontato l’offerta di 300 voti a 30 euro l’uno da parte di un boss e per la sua successiva denuncia (per questo la protezione alla sua famiglia è stata da poco rafforzata): clicca qui per vedere o rivedere questo episodio. Ismaele, nonostante l’amarezza, non perde comunque il suo coraggio e la sua speranza. “Episodi simili certamente ti lasciano l’amaro in bocca soprattutto perché ero andato allo stadio con parte della mia famiglia e con un mio nipotino piccolo”, racconta. “Sono sicuro che quella parte di tifosi rappresentano la minoranza, che sicuramente Palermo è una città a cui gli 'sbirri' piacciono. Voglio sperarlo!”.

iene.mediaset.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa