Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Cutro': ''Tutela dei testimoni di giustizia e' subordinata a logiche di bilancio''

Cronache Italia

Cutro': ''Tutela dei testimoni di giustizia e' subordinata a logiche di bilancio''

cutro ignazio scorta c monica bernabedi Ignazio Cutrò
A qualche giorno dal barbaro omicidio di Marcello Bruzzese ritengo doveroso precisare quanto segue: l'antimafia istituzionale come al solito arriva tardi e sempre mal preparata a dare spiegazioni perché fatti del genere non accadano mai più; nessuno ha detto una sola parola sul dolore dei familiari di questa vittima innocente di mafia, sì perché Bruzzese non aveva mai avuto alcun coinvolgimento nell'attività della 'ndrangheta; le mafie non dimenticano mai e la loro vendetta, anche a distanza di anni, è sempre spietata contro chi ha avuto il coraggio di denunciare e testimoniare; i familiari dei testimoni di giustizia e collaboratori di giustizia sono i bersagli più ghiotti delle mafie affinché tutti imparino la lezione che denunciare può costare la vita dei propri cari; le mafie uccidono al nord come al sud e non c'è confine regionale o nazionale che metta al riparo il territorio dagli interessi economici o dalle vendette delle mafie. Da anni i testimoni di giustizia, tanto nella passata legislatura che in quella attuale, denunciano che l'interesse dello Stato nella tutela degli onesti che denunciano è subordinata a logiche di bilancio che fanno a pugni con il desiderio di sicurezza. Certo le mafie possono essere sconfitte ed in questi anni hanno subìto colpi molto duri ma smantellare o ridurre i presidi di sicurezza o peggio fare dichiarazioni, del tutto inverosimili, su una mafia sconfitta nel giro di qualche mese ha il sapore della resa e della stupidità. Qualcuno ci spieghi cosa significano le parole del Ministro Salvini quando dice che Bruzzese aveva chiesto di uscire dal programma di protezione? Significa che possiamo accettare il barbaro omicidio di un familiare di un collaboratore o di un testimone di giustizia solo perché il suo programma di protezione era in scadenza o perché la vittima aveva semplicemente fatto richiesta di uscire dal programma di protezione? Le istituzioni si sentono meno responsabili della morte di un testimone di giustizia o di un collaboratore se esso vive in località protetta o in località di origine? Ancora una volta le Istituzioni preposte quali il Ministro Salvini e, ancor più, il sottosegretario Luigi Gaetti che ha la delega sui testimoni e sui collaboratori di giustizia hanno atteso a lungo prima di far sentire la propria voce; stessa cosa dicasi per il presidente della commissione antimafia Nicola Morra. Ci sono leggi sui testimoni di giustizia che non vengono applicate sopratutto quella riguardante il reinserimento lavorativo. Sulla sicurezza dei testimoni assistiamo inermi a sottovalutazione del rischio che corriamo: intercettazioni del tutto ignorate, la fuoriuscita dal carcere dei condannati per mafia dopo che hanno scontato la pena e persino una politica istituzionale che vorrebbe ridurre al silenzio i testimoni di giustizia. Già perché di mafia devono parlare solo chi le ha conosciute leggendo qua e la un libro ma mai chi le ha veramente combattute.

Foto © Monica Bernabè

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa