Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Carabinieri alla proiezione del film su Cucchi: ''Dateci la lista dei partecipanti''

Cronache Italia

Carabinieri alla proiezione del film su Cucchi: ''Dateci la lista dei partecipanti''

E' accaduto in una libreria di Siderno. Ufficiale: controllo di routine

borghi cucchi stefano film

Due carabinieri si sono presentati in una libreria del centro commerciale "Le Gru" di Siderno dov'era in programma la proiezione del film "Sulla mia pelle", incentrato sugli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi, ed hanno chiesto alla titolare "l'elenco dei partecipanti". E' quanto scrive il quotidiano "La Stampa".

Secondo il giornale, la titolare della libreria, Roberta Strangio, ha risposto ai due militari che non poteva soddisfare la loro richiesta perché non esisteva un elenco dei partecipanti all'iniziativa. I due carabinieri si sono allora congedati "con gentilezza", ha riferito ancora Roberta Strangio, ma non hanno lasciato la libreria, trattenendosi per l'intera durata della proiezione del film ma senza identificare nessuno dei partecipanti all'iniziativa. "Non hanno chiesto i documenti a nessuno - ha detto Roberta Strangio - neanche alle persone uscite prima della fine del dibattito che ha fatto seguito alla proiezione del film".

Il quotidiano riporta anche una dichiarazione su quanto é accaduto del Comandante del Gruppo di Locri dei carabinieri, colonnello Gabriele De Pascalis. "I carabinieri erano lì - ha detto l'ufficiale - per attività di routine e hanno interloquito con gli organizzatori per sapere se c'era qualcuno delle istituzioni o autorità, in un'ottica di ordine e sicurezza pubblica. A noi non interessa alcun elenco, soprattutto in una manifestazione che non aveva alcun rischio di ordine pubblico. Noi siamo sempre tra la gente e non vogliamo che l'accaduto venga strumentalizzato, specie in una vicenda triste e delicata come quella di Stefano Cucchi".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa