Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Quirra, parla un militare: ''Tanti gli ammalati''

Cronache Italia

Quirra, parla un militare: ''Tanti gli ammalati''

Processo a Lanusei, il testimone: "Molti avevano paura a dire che stavano male". Nelle prossime udienze verranno sentiti ex ministri della Difesa e alti ufficiali
di Giusy Ferreli
Lanusei. Processo ai veleni di Quirra: la parola passa ai testimoni delle parti civili. Dai militari che lavorarono nel Poligono sperimentale interforze del salto di Quirra, uno dei quali ieri mattina ha riferito al giudice monocratico del tribunale di Lanusei, Nicole Serra, le condizioni di lavoro, all’attuale presidente della Repubblica Sergio Mattarella, citato dall’avvocato Gianfranco Sollai in qualità di ex ministro della Difesa. Se per sentire la testimonianza dell’attuale capo dello stato, in carica nel 1999 e nel 2000, occorrerà attendere ancora, l’operatore radar Andrea Lai ieri ha ribadito quello che è stato più volte detto in aula.
"Sono stati esplosi - ha raccontato - tantissimi missili: Nike e Milan in particolare". Lai si è costituito parte civile. "Mi è stata diagnosticata una patologia tumorale alla pelle, un neo per il quale il medico legale al quale mi sono rivolto ha ravvisato il nesso di causalità con l’attività militare" ha detto il militare tuttora in servizio a Decimomannu che fatto l’elenco di militari che hanno contratto patologie tumorali. "Sono tantissimi. Molti avevano paura a dire che si erano ammalati".
Lai che si è sottoposto all’esame da parte dell’avvocato Roberto Peara, dell’accusa rappresentata dal procuratore Biagio Mazzeo e da Daniele Loi, del collegio difensivo, e ha poi risposto a una domanda specifica sulla presenza in base di capi di stato maggiore. "Sono passati al Pisq Mario Arpino, Rolando Mosca Moschini, Giampaolo di Paola, Vincenzo Camporini".
Sono gli stessi nomi e che compaiono nella lista dei testimoni di parte civile assieme agli ex sottosegretari alla Difesa, Salvatore Cicu ed Emidio Casula, entrambi sardi, il primo dal 2001 al 2006 il secondo dal 2006 al 2008- nonché i ministri della Difesa che si sono succeduti dal 2001 al 2011 (Antonio Martino, Arturo Parisi e Ignazio La Russa) e il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano.
Uomini dello Stato che, secondo gli avvocati di parte civile, potrebbero raccontare
dettagli utili all’accertamento della verità. A processo con l’accusa di omissioni aggravate di cautela ci sono otto ex comandanti della base: Fabio Molteni, Alessio Cecchetti, Roberto Quattrociocchi, Valter Mauloni, Carlo Landi, Paolo Ricci, Gianfranco Fois e Fulvio Ragazzon.
(25 Ottobre 2018)

lanuovasardegna.it


ARTICOLI CORRELATI

Quadro sconvolgente dal processo di Lanusei

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa