Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia L'arte e la scienza si incontrano al Museo d'Aumale di Terrasini con una mostra che racconta i fenomeni naturali attraverso opere e strumenti

Cronache Italia

L'arte e la scienza si incontrano al Museo d'Aumale di Terrasini con una mostra che racconta i fenomeni naturali attraverso opere e strumenti

La visualizzazione e la salvaguardia della terra, nella relazione tra arte e scienza. È il tema affrontato attraverso tecnologie di osservazione utilizzate in sismologia e vulcanologia da VISIONS OF THE EARTH, mostra che si inaugurerà alle 17 di oggi, venerdì 12 ottobre, al Museo d’Aumale di Terrasini (Lungomare Peppino Impastato). A promuovere questo importante evento è il Collettivo Neuma in collaborazione con l’INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, e con il patrocinio del Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo.
A muoversi con agilità dall’astrazione alla figurazione rappresentando i temi della sismografia e della vulcanologia, ma anche i fenomeni naturali e la loro rappresentazione grafica registrata dagli strumenti di rilevamento, sono le 20 opere degli artisti del Collettivo Neuma: 5 sculture di Giacomo Bertolino; 5 tele di Marco Favata; 8 tele di Massimiliano Scuderi; un’installazione di fotografie e una stampa fotografica di Michele Di Donato.
Accanto a loro, gli strumenti di rilevamento forniti per l’occasione dall’INGV quali sismografi di terra e di mare, plastici con sistemi di misura dei gas vulcanici e riproduzioni di vulcani in scala ridotta provenienti dalle sedi di Catania, Palermo e Gibilmanna. Una vera occasione, per far conoscere al pubblico, attraverso le immagini, il lavoro grafico prodotto da questi strumenti durante diverse fasi d’indagine a seconda degli scopi specifici.
«Lo scopo non è quello di restituire le immagini delle catastrofi causate dai terremoti e dalle eruzioni vulcaniche, delle quali la storia dell’arte è piena - spiega Fabiola Di Maggio, curatrice della mostra -, ma quello di raccontare il potere immaginativo della tecnologia e della scienza tout court che, come nel caso dei computer, dei telescopi o dei microscopi, hanno influenzato quell’immaginario artistico che ha realizzato visioni particolari e significative nella storia della cultura visuale e artistica mondiale. Basti pensare ad artisti del calibro di Leonardo da Vinci, Gustav Klimt, Paul Klee e György Kepes o movimenti come quelli dell’Arte frattale digitale».
Grazie a VISIONS OF THE EARTH la prospettiva artistica sismografica e vulcanologica viene rappresentata da pitture, sculture e fotografie che rievocano, mediante creazioni e composizioni astratte e figurative, un immaginario noto a tutti, rielaborato dalle visioni d’artista con la conseguente resa di immagini che confondono la realtà, la sua rappresentazione e la relativa immaginazione.
«I lavori del Collettivo Neuma - prosegue la Di Maggio - permettono di comprendere l’innesto e la relazione che da sempre intercorre tra arte e tecnologia e che le immagini, più di ogni altro dispositivo a nostra disposizione, riescono evidentemente e istantaneamente a spiegare. L’arte sismografica e vulcanologica, raffigurando un’inedita visione estetica dei moti terrestri e marini, così come del mondo vulcanico, permette una riflessione sul valore multi prospettico dello sguardo umano, che non si limita mai e soltanto a registrare il reale ponendolo in compartimenti stagni, ma lo eccede nel flusso di immagini che, nell’osmosi dei media contemporanei, ora sono della scienza, ora dell’arte».
All’inaugurazione della mostra - visitabile sino 14 dicembre, dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 19 con ingresso gratuito - oltre agli artisti del Collettivo Neuma, saranno presenti gli scienziati dell’INGV (Eugenio Privitera, direttore dell'Osservatorio Etneo; Giorgio Capasso, primo ricercatore INGV - sezione Palermo; Giuseppe D'Anna, dirigente tecnologo dell'Obs & Earth Lab Gibilmanna; Antonio Costanza, ingegnere meccanico dell'Obs & Earth Lab Gibilmanna) e Antonino D'Alessandro, ricercatore dall'Osservatorio Nazionale Terremoti. Ospite d’onore sarà il regista Valerio Jalongo.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa