Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Esplode chiavetta Usb a Trapani, ferito ispettore polizia

Cronache Italia

Esplode chiavetta Usb a Trapani, ferito ispettore polizia

usb chiavetta c imagoeconomicaUn poliziotto è rimasto ferito dall'esplosione di una chiavetta Usb inserita nel pc. E' successo a Trapani. L'ispettore di polizia giudiziaria all'interno della Procura di Trapani, è rimasto ferito alla mano. Il dispositivo era indirizzato a un avvocato trapanese che, insospettito, ha allertato la polizia la quale stava verificando il contenuto del plico, quando è avvenuta l'esplosione.

La procura di Trapani indaga a su una segnalazione fatta due anni fa da un'avvocatessa civilista del foro di Trapani, Monica Maragno. La legale dopo avere ricevuto un plico che riportava il mittente del Consiglio dell'Ordine, contenente la chiavetta usb e un documento cartaceo con l'intestazione del consiglio forense, ha individuato delle difformità rispetto alla calligrafia e agli stili grafici tradizionali e si è insospettita.

L'episodio è stato segnalato all'Ordine che ha confermato di non avere mai inviato il plico e l'avvocato Maragno ha così preferito lasciarlo alla segreteria. Soltanto successivamente il caso è stato segnalato alla procura di Trapani che dopo diverso tempo ha delegato la Polizia giudiziaria per gli accertamenti. Nel pomeriggio del 9 ottobre l'ispettore di Polizia giudiziaria Gianni Aceto ha inserito la chiavetta nel computer dell'ufficio, per vederne il contenuto, ma il device è esploso. Portato al pronto soccorso di Trapani, Aceto è stato poi trasferito al reparto di Chirurgia plastica dell'ospedale 'Paolo Borsellino' di Marsala per salvare la falange del pollice della mano sinistra. Il dispositivo usb e il computer sono stati sequestrati e sono al vaglio della Squadra mobile che conduce le indagini coordinate dal procuratore capo Alfredo Morvillo e dal sostituto Antonio D'Antona.

agi.it

Foto originale © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa