Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Busta con proiettile e Patronaggio: Gregorio Porcaro (Libera), esprimendo tutta la nostra solidarieta'

Cronache Italia

Busta con proiettile e Patronaggio: Gregorio Porcaro (Libera), esprimendo tutta la nostra solidarieta'

Non ci potrebbe essere ricorrenza più tristemente adatta ad animare quanti conoscono il valore e lo spessore umano di chi mette a rischio la propria vita per il bene comune. Le minacce di morte giunte all’indirizzo del Procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, fanno non solo pensare che si tratti di un fatto destramente grave, ma fa altresì chiedere a molti chi possa essere stato.
«Io partirei con il dire che Patronaggio è il Pm che ha condotto le indagini che portarono all'arresto dei mandanti dell'omicidio di Padre Pino Puglisi – afferma Gregorio Porcaro, coordinatore regionale di Libera Sicilia – ed essendo a ridosso dell’anniversario della sua uccisione, così come a due giorni dall’arrivo del Papa a Palermo, dobbiamo interrogarci su tanti aspetti. Libera Sicilia esprime tutta la sua solidarietà a Patronaggio, plaudendo fa senza dubbio il proprio dovere e non ci sono dubbi che la legge è eguale per tutti, ma vorrei ricordare che essere eletti non vuol dire spaccare un popolo tra buonisti rosiconi e razzisti bravi».
In molti in queste ore si sono augurati che con l'impegno di tutti possa ritornare presto a fare parte delle nostre scelte il buon senso, la corresponsabilità e non l'odio, il compromesso e la contrapposizione violenta.
«Ci chiediamo tutti l’autore di tale gesto: se l’attacco giunge da qualche scheggia impazzita supporter di Salvini – aggiunge Porcaro -, se si tratta di un vero e proprio avvertimento mafioso oppure se queste due ipotesi si debbano fondere arrivando ad alimentare altri dubbi o, come speriamo in tanti, fornire delle certezze. Queste ore ci devono portare a capire l’importanza dello stare ancora più uniti per rompere schemi e logiche che non portano a nulla, se non a ennesime scissioni culturali e sociali».

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa