Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Busta con proiettile e Patronaggio: Gregorio Porcaro (Libera), esprimendo tutta la nostra solidarieta'

Cronache Italia

Busta con proiettile e Patronaggio: Gregorio Porcaro (Libera), esprimendo tutta la nostra solidarieta'

Non ci potrebbe essere ricorrenza più tristemente adatta ad animare quanti conoscono il valore e lo spessore umano di chi mette a rischio la propria vita per il bene comune. Le minacce di morte giunte all’indirizzo del Procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, fanno non solo pensare che si tratti di un fatto destramente grave, ma fa altresì chiedere a molti chi possa essere stato.
«Io partirei con il dire che Patronaggio è il Pm che ha condotto le indagini che portarono all'arresto dei mandanti dell'omicidio di Padre Pino Puglisi – afferma Gregorio Porcaro, coordinatore regionale di Libera Sicilia – ed essendo a ridosso dell’anniversario della sua uccisione, così come a due giorni dall’arrivo del Papa a Palermo, dobbiamo interrogarci su tanti aspetti. Libera Sicilia esprime tutta la sua solidarietà a Patronaggio, plaudendo fa senza dubbio il proprio dovere e non ci sono dubbi che la legge è eguale per tutti, ma vorrei ricordare che essere eletti non vuol dire spaccare un popolo tra buonisti rosiconi e razzisti bravi».
In molti in queste ore si sono augurati che con l'impegno di tutti possa ritornare presto a fare parte delle nostre scelte il buon senso, la corresponsabilità e non l'odio, il compromesso e la contrapposizione violenta.
«Ci chiediamo tutti l’autore di tale gesto: se l’attacco giunge da qualche scheggia impazzita supporter di Salvini – aggiunge Porcaro -, se si tratta di un vero e proprio avvertimento mafioso oppure se queste due ipotesi si debbano fondere arrivando ad alimentare altri dubbi o, come speriamo in tanti, fornire delle certezze. Queste ore ci devono portare a capire l’importanza dello stare ancora più uniti per rompere schemi e logiche che non portano a nulla, se non a ennesime scissioni culturali e sociali».

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa