Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Video - ''In che Paese viviamo?'': Ottavia Piccolo fermata dalla polizia perche' aveva il fazzoletto dell'Anpi

Cronache Italia

Video - ''In che Paese viviamo?'': Ottavia Piccolo fermata dalla polizia perche' aveva il fazzoletto dell'Anpi

Lo ha denunciato l'attrice stessa, che voleva partecipare a un presidio, al Lido di Venezia, contro gli infortuni e la precarietà del lavoro



Si è avvicinata alla barriera di sicurezza per entrare nell'area della Mostra del Cinema, quando è stata subito fermata da tre poliziotti. "Lei non può entrare con quel fazzoletto" le hanno detto. Protagonista dell'episodio l'attrice Ottavia Piccolo, che al collo aveva il fazzoletto dell'Anpi. È stata lei stessa a denunciare il fatto, in un'intervista a La Nuova Venezia. "Incredibile. Ma in che Paese viviamo?", si indigna sulle colonne del giornale.

Lo scorso sabato pomeriggio, poco prima della premiazione del Leone d'Oro, Piccolo voleva partecipare al "presidio" organizzato dalla Sinistra davanti al palazzo del Cinema del Lido, per ricordare gli infortuni e la precarietà del lavoro in Italia. "Avevamo annunciato questo presidio davanti al tappeto rosso - racconta la donna - non era una manifestazione, ma una testimonianza. Una cosa leggera, senza dar fastidio a nessuno. La denuncia di una situazione che ogni giorno passa sotto silenzio. Quella degli infortuni sul lavoro e dello sfruttamento degli operai. Avevamo anche ottenuto il permesso dei vigili, tutto regolare".

L'attrice, che risiede al Lido, da sempre impegnata sul tema del lavoro, negli ultimi tempi è stata protagonista in teatro di piece di denuncia sullo sfruttamento della manodopera, oltre ad essere attiva come testimonial contro il passaggio delle grandi navi a San Marco e per la libertà di stampa, dopo l'assassinio della giornalista russa Anna Politikvoskaja. "Perché mai non posso entrare?", ha risposto all'intimazione dei poliziotti, "forse adesso è vietato in Italia girare con un fazzoletto dell'Anpi? Non è un segno di partito, ma il simbolo dei Partigiani italiani. Mi spiace, io entro".

Minaccia la denuncia e alla fine un funzionario dà il via libera all'ingresso. Ma Piccolo resta convinta della gravità dell'accaduto e promette una manifestazione. "Dovremo ritrovarci presto", dice, "farci vedere. Tutti col fazzoletto dell'Anpi e dei partigiani antifascisti al collo".

La presidente nazionale dell'Anpi, Carla Nespolo, le ha espresso solidarietà unita al ringraziamento per il forte e concreto attaccamento ai valori dell'antifascismo, della Resistenza e all'Associazione nazionale partigiani d'Italia. "Ringrazio di cuore la presidente Nespolo e l'Anpi tutta", ha risposto Ottavia Piccolo, "saperlo è il modo più bello per cominciare una nuova giornata. E aggiungo: Resistenza sempre"

repubblica.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa