Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Montante non decaduto, e' presidente Unioncamere

Cronache Italia

Montante non decaduto, e' presidente Unioncamere

Dalla Sicilia chiesto un parere a Roma, è soltanto autosospeso
Catania. L'imprenditore Antonello Montante, nonostante l'arresto per corruzione e la sua autosospensione da non è decaduto da presidente di Unioncamere Sicilia. Lo scrive il quotidiano La Sicilia che ricostruisce così la vicenda: dopo le dimissioni di cinque consiglieri lo scorso 30 maggio, è decaduto da presidente della Camera di Commercio di Caltanissetta e la Regione ha commissariato l'ente con la nomina del magistrato Gioacchino Natoli, da poco in pensione. Già all'epoca si pensò che Montante, non essendo più presidente a Caltanissetta, decadesse automaticamente anche da capo siciliano. E invece no. Perché grazie a una modifica dello statuto di Unioncamere, disposta lo scorso marzo gli organi regionali eletti, pur perdendo le cariche provinciali, completano il loro mandato. Montante, abbondantemente scaduto il primo mandato, il 19 aprile 2016 vista l'indisponibilità degli altri presidenti, fu riconfermato fino al completamento del processo di fusione degli enti siciliani. La Sicilia cita una nota del segretario generale di Unioncamere nazionale, Giuseppe Tripoli, agli associati siciliani. Oltre a una serie di rilievi (fra cui l'eleggibilità dei componenti degli organi per quattro mandati consecutivi, che "non è affatto in linea con gli indirizzi nazionali che fissano il limite a due mandati"), Tripoli entra di fatto nel merito della situazione di Montante affermando che "tutto il sistema nazionale è costruito intorno alla figura del presidente camerale e, a regime, anche i presidenti delle unioni regionali devono essere presidenti camerali".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa