Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Montante non decaduto, e' presidente Unioncamere

Cronache Italia

Montante non decaduto, e' presidente Unioncamere

Dalla Sicilia chiesto un parere a Roma, è soltanto autosospeso
Catania. L'imprenditore Antonello Montante, nonostante l'arresto per corruzione e la sua autosospensione da non è decaduto da presidente di Unioncamere Sicilia. Lo scrive il quotidiano La Sicilia che ricostruisce così la vicenda: dopo le dimissioni di cinque consiglieri lo scorso 30 maggio, è decaduto da presidente della Camera di Commercio di Caltanissetta e la Regione ha commissariato l'ente con la nomina del magistrato Gioacchino Natoli, da poco in pensione. Già all'epoca si pensò che Montante, non essendo più presidente a Caltanissetta, decadesse automaticamente anche da capo siciliano. E invece no. Perché grazie a una modifica dello statuto di Unioncamere, disposta lo scorso marzo gli organi regionali eletti, pur perdendo le cariche provinciali, completano il loro mandato. Montante, abbondantemente scaduto il primo mandato, il 19 aprile 2016 vista l'indisponibilità degli altri presidenti, fu riconfermato fino al completamento del processo di fusione degli enti siciliani. La Sicilia cita una nota del segretario generale di Unioncamere nazionale, Giuseppe Tripoli, agli associati siciliani. Oltre a una serie di rilievi (fra cui l'eleggibilità dei componenti degli organi per quattro mandati consecutivi, che "non è affatto in linea con gli indirizzi nazionali che fissano il limite a due mandati"), Tripoli entra di fatto nel merito della situazione di Montante affermando che "tutto il sistema nazionale è costruito intorno alla figura del presidente camerale e, a regime, anche i presidenti delle unioni regionali devono essere presidenti camerali".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa