Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Don Luigi Ciotti a Enna per inaugurare il nuovo Presidio di Libera dedicato a Patrizia Scifo

Cronache Italia

Don Luigi Ciotti a Enna per inaugurare il nuovo Presidio di Libera dedicato a Patrizia Scifo

20180612 ciotti ennaUn grande evento, quello che attende Enna martedì 12 giugno. Sarà, infatti, inaugurato il Presidio Libera Enna intitolato a Patrizia Scifo, vittima innocente della mafia, scomparsa da Niscemi il 17 giugno del 1983.
Un appuntamento importante sia perchè ci sarà la famiglia Scifo a presenziare alla giornata, ma anche perché sarà don Luigi Ciotti a parlare alla cittadinanza ennese, alle 17 a Palazzo Chiaramonte, in piazza Vittorio Emanuele.
Uno splendido contesto architettonico, nel cui cortile i ragazzi dell’associazione 360 daranno il benvenuto al fondatore e presidente dell’associazione “Libera” con un momento d’animazione d’intrattenimento. Questo, sempre sul solco della loro azione quotidiana.
Il “Progetto 360”, infatti, anima un centro aggregativo per i giovani della città, organizzando eventi di ogni genere con lo scopo primario di donare alle nuove generazioni ennesi una visione ampia della società in cui viviamo. Senza ovviamente tralasciare l’elemento del divertimento, che da sempre li caratterizza.
Subito dopo ci si sposterà nella sala Cerere per dare il via al pomeriggio di riflessioni al quale, insieme a don Ciotti, parteciperanno: il prof. Enrico Cuccodoro, docente di Diritto Costituzionale dell’Università del Salento; il presidente dell’Osservatorio “Sandro e Carla Pertini”; Gregorio Porcaro, referente di Libera Sicilia; le istituzioni locali.
Alle 19, il momento tanto atteso. Negli spazi del Centro Atlantis - coworking associativo, in via Civiltà del Lavoro, a Enna Bassa, sarà inaugurato il “Presidio Libera Enna” con la lettura e la sottoscrizione del patto, quindi il via alla cerimonia ufficiale. Occasione per rinnovare l’impegno di tutti per la costruzione di una società più attenta agli altri, custode della memoria che appartiene a tutti noi.
Prima di concludere il pomeriggio con l’intervista a don Luigi Ciotti da parte dell’emittente radiofonica “Bedda Radio”, però, i ragazzi dell’associazione “Terra Matta” inaugureranno la “botte della memoria”: un progetto singolare, che prevede la collocazione di punti di BookCrossing per lo scambio di libri in vecchie botti, riciclate e restaurate con cura dai soci, per essere dislocate in vari luoghi della città affinché siano fruibili a tutti i cittadini.
«Chiunque si trovi di passaggio - raccontano i promotori del progetto - può aprire la botte, prendere un libro e sostituirlo con un altro senza formalità, autorizzazioni o spese. L’obiettivo è quello di diffondere capillarmente la lettura, condividerne il piacere, fornire uno strumento di crescita culturale: tutto attraverso barili di libri».
Le botti sino a oggi sono state tre. La quarta verrà inaugurata proprio martedì 12 e sarà quella “della memoria” in quanto, realizzata in collaborazione con il presidio di Libera Enna “Patrizia Scifo”, sarà dedicata a tutte le vittime innocenti di mafia. Questa specifica “BarrelBook” servirà a tener viva la memoria di quelle persone che sono state d’esempio, hanno sofferto e lottato contro il fenomeno mafioso e le cui storie saranno narrate nei testi in essa contenuti.
Un momento veramente solenne che sancisce un lavoro che ha avuto inizio da tempo e che vede in campo una grande sinergia di intenti. E che già al Centro Atlantis trova una serie di realtà presenti e attivamente impegnate come: GioSeF, Sol Cgil (Sportello orienta Lavoro Cgil), Terra Matta, ANPI, Bedda Radio e Apicoltori.
«L’ idea di base – spiegano il referente provinciale di Libera, Vittorio Avveduto, e la responsabile del neonato Presidio, Margherita Lazzara - è quella di dare a Don Luigi Ciotti la possibilità di conoscere il territorio ennese attraverso le associazioni che operano nel territorio e che sono entrate a far parte della rete di Libera. Da qui nasce l’idea di creare dei momenti in cui i protagonisti diventeranno le associazioni. Questo nuovo presidio apre nuovi orizzonti e ci dà modo di guardare ancora più lontano».
A fare parte della rete di Libera sono anche: CGIL Enna, Filcams Enna (Federazione della Cgil che rappresenta i lavoratori del settore Terziario, Servizi e Commercio, Pulizie e Multiservizi, Turismo, Vigilanza, Colf e badanti), Flai (Federazione Cgil che rappresenta i lavoratori agricoli e i lavoratori dell’industria di trasformazione alimentare), Avis Enna, Istituto Comprensivo Napoleone Colajanni (Liceo Classico, Liceo Scienze Umane, Liceo Musicale). L’iniziativa di martedì 12 gode anche del patrocinio del Comune di Enna.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto




Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA

Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


la mafia ha vinto 2017 ppSaverio Lodato

LA MAFIA HA VINTO
Intervista con Tommaso Buscetta