Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Processo 'veleni Quirra': consulente, onde radar pericolose

Cronache Italia

Processo 'veleni Quirra': consulente, onde radar pericolose

aula tribunale2Effetti comparati con bimba morta di leucemia negli anni '60
Nuoro. "Le onde elettromagnetiche dei radar del poligono di Perdasdefogu sono pericolosissime per l'uomo": lo ha sostenuto Fiorenzo Marinelli, ricercatore dell'Istituto di Genetica Molecolare del Cnr di Bologna, davanti al giudice monocratico del tribunale di Lanusei, Nicole Serra, nel processo per i cosiddetti 'veleni' di Quirra. Consulente del pm, Marinelli ha spiegato che dopo l'incarico conferito nel 2011, ha sperimentato diverse volte gli effetti del passaggio delle onde elettromagnetiche sulle cellule di una bambina morta di leucemia negli anni '60 e conservate per questi esperimenti.
"Alcune cellule si sono autodistrutte altre, sono rimaste danneggiate e altre ancora si sono necrotizzate", ha detto in aula il ricercatore. Una testimonianza utile alla pubblica accusa - rappresentata dai Pm Biagio Mazzeo e Daniele Loi - per rimarcare i danni provocati sulla salute degli abitanti della zona di Quirra, soprattutto pastori, e sul bestiame che in quei terreni pascolava. Dopo Marinelli ha deposto l'ingegnere ambientale Salvatore Cetrano, anche lui consulente della Procura. Il tecnico ha sottolineato che gli esami effettuati dai ricercatori dell'Università Pisa e dalla Sgs nel terreno vicino al poligono, hanno evidenziato la presenza di materiali pesanti, come piombo allumino arsenico. "Tenuto conto che il terreno è di natura carsica - ha detto - è possibile che queste sostanze siano penetrate e abbiano raggiunto le falde acquifere". Il processo vede alla sbarra otto comandanti che hanno guidato il poligono dal 2004 al 2010, tutti accusati di omissione aggravata di cautele contro infortuni e disastri perché non avrebbero interdetto al pubblico le zone a rischio. La prossima udienza è stata fissata per il 28 giugno.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa