Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Moro: Bindi, democrazia bene fragile, va difesa

Cronache Italia

Moro: Bindi, democrazia bene fragile, va difesa

"Moro e Impastato uccisi da terrorismo e mafia, gravi minacce" 
Roma. "Aldo Moro e Peppino Impastato furono ritrovati lo stesso giorno, trucidato dalle Br il primo e dalla mafia siciliana il secondo. Terrorismo e mafia sono fenomeni distinti ma rappresentano entrambi una gravissima minaccia alla democrazia". Così la presidente uscente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi. "L'assassinio di Aldo Moro - rileva Bindi - resta una delle pagine più tragiche e oscure della storia repubblicana. Non dobbiamo stancarci di cercare la verità sui quei terribili 55 giorni e sulla morte di un uomo giusto, di uno statista lungimirante e coraggioso. E' un dovere verso i familiari ma soprattutto verso le nuove generazioni". "A quarant'anni di distanza il paese si unisce nella memoria di tutte le vittime del terrorismo che non risparmiò nessuna categoria e con cieca violenza tentò nella lunga stagione degli anni di piombo di sovvertire le fondamenta della convivenza democratica. Senza cedere alla paura ma facendo leva sui valori della Costituzione, gli italiani - osserva Bindi - seppero trovare l'unità e la forza morale necessarie a respingere e sconfiggere i disegni eversivi. Peppino Impastato fu brutalmente ammazzato da cosa nostra, che non poteva sopportare la voce scomoda di chi denunciava gli affari criminali e rompeva il muro dell'omertà mafiosa. La democrazia è un bene fragile che va difeso con l'impegno e la responsabilità di tutti, praticando il rispetto delle istituzioni e dei principi costituzionali", conclude Bindi. 
 
ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa