Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Accorinti intitola la stanza del sindaco di messina a Peppino Impastato, simbolo della lotta alla mafia

Cronache Italia

Accorinti intitola la stanza del sindaco di messina a Peppino Impastato, simbolo della lotta alla mafia

accorinti renato me c giorgio barbagallo di AMDuemila
Venerdì 13 Aprile 2018, a Messina, nell’anno in cui ricorre il quarantennale dalla sua morte, si è svolta una giornata dedicata al giornalista ed attivista Peppino Impastato, grande icona della lotta alla Mafia, ucciso il 9 Maggio 1978. Al Palacultura si è tenuto un incontro-dibattito tra ottocento studenti, delle scuole medie e superiori, con Giovanni Impastato, fratello di Peppino, alla presenza del sindaco Renato Accorinti e dell’assessore alla Pubblica istruzione, Federico Alagna. Giovanni ha testimoniato l’impegno della lotta alla mafia di Peppino e spronato gli studenti a rendersi parte attiva per il cambiamento sociale, ricordando che non c’è bisogno di eroi ma di persone che facciano la loro parte nella società. Diverse le domande degli studenti che hanno affollato il Palacultura col desiderio di conoscere in modo più approfondito la figura di Peppino. Al culmine della mattinata ci si è spostati al Municipio dove, alla presenza del Prefetto, del Questore, delle autorità e di molti studenti, si è svolta la cerimonia di intitolazione della Stanza del Sindaco di Messina a Peppino Impastato.
Sulla targa in bronzo, raffigurante il volto in bassorilievo di Peppino, realizzato dall’artista messinese Gaetano Mammano, il sindaco Renato Accorinti ha voluto far incidere due delle più famose citazioni di Peppino: “La Mafia è una montagna di Merda” e “Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un'arma contro la rassegnazione, la paura e l'omertà”. “Un’altra tappa importante del nostro mandato amministrativo – afferma Accorinti - segnato in questi anni da tanti momenti simbolici - due tra tutti il conferimento della cittadinanza onoraria al magistrato Nino Di Matteo e la giornata di Libera, il 21 Marzo 2016 -  momenti che sono espressione della direzione politica chiara e netta che abbiamo voluto dare al nostro mandato amministrativo: di rottura definitiva con le logiche clientelari, mafiose e massoniche e di strenua difesa della legalità e dei diritti. Peppino Impastato è una icona della lotta alla Mafia: ha avuto il coraggio di ribellarsi all’omertà e combattere la Mafia dentro la sua stessa famiglia, in nome dei valori piú grandi della Giustizia e della Verità. Due momenti importanti quelli di oggi. L’incontro con gli studenti, gli uomini e le donne  cittadini di domani: perché la vera lotta alla mafia la fai con loro, tra i banchi di scuola, col cambio culturale. La scuola è laboratorio delle coscienze e dell’anima ed è chiamata a proporre modelli di impegno civile, ideali per i quali può valere la pena vivere. Il secondo momento importante è stato quello della scopertura della targa. Una scelta fatta, quella della intitolazione della stanza del sindaco di Messina, non solo per onorare una delle più grandi figure italiane dell’antimafia ma anche perché il nome di Peppino Impastato possa ogni giorno fare da sprone ed essere da monito a chiunque varchi quella soglia”.

Foto © Giorgio Barbagallo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

by Carolina Orlandi

La sera del 6 marzo 2013 David Rossi...


LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...


B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca