Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia #ripartidaisibillini Vita e lavoro nell'area colpita dal sisma visti da 10 giornalisti

Cronache Italia

#ripartidaisibillini Vita e lavoro nell'area colpita dal sisma visti da 10 giornalisti

20180412 riparti dai sibilinniDieci giornalisti di testate nazionali e internazionali da venerdì 13 a domenica 15 aprile saranno coinvolti nella quarta edizione di Riparti dai Sibillini press, iniziativa che abbraccia tre filoni tematici: ambiente, economia, enogastronomia, sviluppandosi nelle province di Fermo, Macerata e Ascoli Piceno, quelle maggiormente colpite dal terremoto
di Alessandro Giacopetti

Riparti dai Sibillini press è stata presentata nella sede Cassa di Risparmio di Fermo, non a caso. Proprio la Carifermo, infatti, finanzia il restauro per la riapertura del santuario della Madonna dell’Ambro a Montefortino, una delle tappe del tour. Presente il presidente Amedeo Grilli.
Andiamo sui Sibillini senza paura - ha esordito Andrea Braconi tra gli accompagnatori - perché si può e si deve fare turismo in un territorio in cui le strutture sono sicure e con persone pronte all’accoglienza. Qui saranno ospitati i giornalisti partecipanti. E’ la quarta edizione dopo quelle del 2016, del marzo e ottobre 2017”.
Martina Nasso, Marco Tonelli e Luca Tombesi sono gli ideatori. In particolare Martina Nasso collabora con il giornale della Protezione Civile nazionale e con “La Repubblica”, oltre che con il Club Alpino Italiano: “Sono venuta in questo territorio per la prima volta con la Protezione Civile dell’Emilia Romagna che si occupava dei campi a Montegallo, Caldarola e San Severino dove è stato fatto un reportage per parlare in modo diverso del territorio. Obiettivo: mostrare la resistenza delle persone che vi abitano con il loro desiderio di rimettere tutto in moto”.
E’ Marco Tonelli, altro promotore dell’iniziativa, a spiegare: “Arriveranno giornalisti di Repubblica, National Geografic, La Stampa, Italy Magazine, Gambero Rosso, Milano weekend, l’Espresso, La Presse, e un regista RAI intenzionato a realizzare un documentario. Riparti dai Sibillini press è suddiviso in 3 percorsi: quello ambientale toccherà la gola dell’Infernaccio, il rifugio città di Amandola dove si svolgerà un incontro con i sindaci della zona montana, il cantiere al santuario della Madonna dell’Ambro, Santa Maria in Pantano e il sentiero dei Mietitori, per arrivare a Castelluccio di Norcia. Il percorso economico prevede visite nelle aziende e agriturismi, come la Pasta di Camerino, la Distilleria Varnelli, l’Acqua Nerea, la Pelletteria Grazia, l’azienda agricola Scolastici, l’azienda Copparini. Importante il momento di confronto con i sindaci e quello con Marca Fermana e il suo presidente Stefano Pompozzi.
Lo stesso presidente di Marca Fermana nel suo intervento ha anticipato la prossima presentazione del piano di accoglienza turistica che vede “un investimento di 150 mila euro per la digitalizzazione dei servizi di trasporto e accoglienza, con navette gratuite dalla costa all’entroterra, gestibili da app per smarphone. Il turismo rinasce con azioni concrete - ha aggiunto Stefano Pompozzi, secondo cui - c’è un indotto da ricreare. L’investimento della Carifermo sul santuario dell’Ambro è un esempio in quanto azione reale e tangibile e non un classico finanziamento a pioggia”.
In veste di vicepresidente della Provincia di Fermo, Stefano Pompozzi ha poi ricordato che “in quelle zone noi abbiamo tenuto aperte le scuole, potenziandole. Nostro dovere è mettere sul campo i servizi”. Lo stesso Pompozzi ha concluso ribadendo: “Sui Sibillini non si va per caso o per la curiosità di vedere l’effetto del terremoto. Si va per ammirarne le bellezze sia paesaggistiche che enogastronomiche, in sicurezza”.
Luca Tombesi, ideatore del progetto #RipartidaiSibillini, ha ricordato: “Tutto è nato come una passeggiata fotografica. Ero stato chiamato da gestori di attività ricettive che mi chiedevano di fare delle foto e scrivere sul mio blog, dopo una serie di disdette di prenotazioni a causa delle scosse sismiche. Ho coinvolto altre persone e nella prima edizione eravamo in 16. Tutti innamorati del territorio. Col tempo si sono aggiunti altri, allo scopo di aiutare l’area montana. Purtroppo - ha aggiunto Luca Tombesi - la stampa nazionale ha raccontato l’entroterra come un territorio povero, con borghi disabitati e aziende piccole. Ciò è folkloristico. Vi sono, infatti, anche grandi aziende di rilevanza internazionale. Gente che lavora con cognizione. Questo è ciò che vogliamo comunicare, assieme all’enogastronomia di qualità, alla natura e alle storie delle persone che vivono, lavorano e non se ne vogliono andare”.
Giuseppe Millozzi accompagnato da Antonella De Gasperi per l’Associazione Sibillini Segreti e Sapori ha parlato della “voglia di fare comunità. La sfida è attirare turisti e far restare chi ha scelto questi territorio per vivere e lavorare. Anche stranieri”.
Carlo Pagliacci, dell’ufficio stampa del Parco Nazionale dei Sibillini ha sottolineato: “E’ importante mantenere e sviluppare contatti con chi fa comunicazione. Per questo noi abbiamo accompagnato giornalisti arrivati nel corso dei mesi scorsi. Altrettanto importante è sviluppare un linguaggio corretto per parlare delle tematiche relative al parco. Molte le storie da raccontare come ad esempio il Lupo Merlino a Castelsantangelo sul Nera. Recentemente, inoltre, un videomaker ha realizzato un filmato puntando la telecamera su una antichissima fontana, documentando la vita che lì attorno si sviluppa, comprendente uccelli, cinghiali, lupi, che fanno di questa fonte un luogo di riferimento”.
Di seguito la lista dei giornalisti partecipanti e degli accompagnatori. I tour sono aperti anche alla stampa locale e sarà possibile seguirne le fasi sui social network con l’hashtag #ripartidaisibillini.

TOUR AMBIENTE
1. Marina Palumbo (La Stampa)
2. Silvia Donati (The Telegraph, Italy Magazine, Ambassador National Italian American Foundation e Dream of Italy)
3. Federico Formica (National Geographic)
4. Francesco Collina (Repubblica.it)

TOUR ECONOMIA
5. Valentina Calzavara (Gruppo giornali locali Espresso)
6. Clara Attene (Venerdì di Repubblica)
7. Luigi Maria Perotti (regista Rai)

TOUR ENOGASTRONOMIA
8. Andrea Paternostro (Milano weekend)
9. Paola Rosa Adragna (Lapresse)
10. Saverio de Luca (Gambero Rosso)

ACCOMPAGNATORI
11. Martina Nasso (Repubblica, Montagne 360, Il Giornale della Protezione Civile, Good Morning Italia)
12. Marco Tonelli (La Stampa, Le Macchine Volanti, il Tascabile, Good Morning Italia)
13. Luca Tombesi (blogger iraccontidellostomaco.it)
14. Luca Marcantonelli (blogger coninfacciaunpodisole.it)
15. Andrea Braconi (giornalista Cronachefermane.it)

cronachefermane.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



la mafia ha vinto 2017 ppSaverio Lodato


LA MAFIA HA VINTO
Intervista con Tommaso Buscetta