Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Pregiudicato ucciso in agguato a Bari

Cronache Italia

Pregiudicato ucciso in agguato a Bari

Antonio Scaglioso, di 43 anni. Indaga la polizia
BARI. Ci sarebbe un sospettato, sottoposto a stub nella notte, nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Antonio Scaglioso, 43 anni, ucciso ieri pomeriggio con colpi di arma da fuoco sotto la sua abitazione in via della Caravella a Catino, quartiere di Bari. Gli sviluppi delle indagini sono emersi dopo una lunga notte d'interrogatori, perquisizioni e sequestri condotti della Squadra Mobile per fare luce non solo sull'omicidio ma anche sull'aggressione della cognata della vittima, una donna di 43 anni, aggredita e colpita al volto da una mazza da baseball poco prima dell'omicidio di Scaglioso, raggiunto all'addome da colpi di una pistola semiautomatica diretti all'addome. La donna - trovata in un'auto in sosta poco distante dal luogo dell'omicidio - è tuttora ricoverata in ospedale: le sue condizioni non sono gravi. Un pregiudicato di 43 anni, Antonio Scaglioso, ritenuto vicino ad uno dei clan mafiosi baresi che operano alla periferia nord della città, è stato ucciso a Bari con colpi d'arma da fuoco in via Caravella, nel quartiere Catino. E' successo poco prima delle 18. Sul posto sono giunte le Volanti della Polizia e personale del 118 che ha tentato inutilmente di rianimare la vittima.. Scaglioso in passato era ritenuto vicino al clan Piperis del quartiere Enziteto di Bari.Secondo una prima ricostruzione fatta dagli investigatori, l'omicidio sarebbe avvenuto dopo l'aggressione alla cognata della vittima compiuta per strada e poco distante. La donna, che ha 43 anni, è stata trovata a bordo della propria auto con ferite al volto e alla testa provocate da un corpo contundente.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...

I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...


PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...


L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa