Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Firenze, senegalese ucciso aveva adottato la figlia di un connazionale ucciso da un estremista di destra

Cronache Italia

Firenze, senegalese ucciso aveva adottato la figlia di un connazionale ucciso da un estremista di destra

Fermato 65enne: “Volevo suicidarmi, poi ho sparato al primo che ho incontrato”. Corteo degli ambulanti, tensione e danni
di Alessandro Mantovani
C’è una ragazza appena 18enne a Mont Rolland, un villaggio contadino nel Senegal, che per la seconda volta piange il padre. Nel 2011 ha perso il padre naturale, ieri mattina il padre adottivo. Tutti e due li hanno ammazzati a pistolettate, a Firenze. Sempre da un italiano. “Ci eravamo andati nel 2011 a Mont Rolland, portammo al centro del villaggio i corpi di Samb e Diop – racconta Mamadou Sall, portavoce dei senegalesi di Firenze –. Spiegammo ai vecchi e  ai bambini che gli italiani, i fiorentini, non sono tutti fascisti e razzisti. Ora chi ci andrà? Cosa diremo?”. Nel 2011 un fascista, Gianluca Casseri, sparò  a Samb Modou e Diop Mor e poi si suicidò. Ieri a quanto pare è stato un uomo di 65 anni che ha perso il lume della ragione.

Stavolta il razzismo non c’entra, così dicono la polizia e il procuratore della Repubblica. Però non basta a rassicurare i senegalesi di Firenze, comunità storica e strutturata che ieri mattina, poco prima di mezzogiorno, ha visto un altro dei suoi cadere sotto una serie di colpi di pistola, sparati da un fiorentino 65enne sul centrale ponte Vespucci. Come il 13 dicembre 2011 in piazza Dalmazia: due morti ammazzati e il suicidio dell’aggressore, un estremista di destra vicino a CasaPound che, naturalmente, prese subito le distanze.

Ieri la stessa sorte è toccata a Idy Diene, 54 anni, ambulante senegalese che viveva da anni in Italia con regolare permesso di soggiorno. Era un cugino di Samb, ucciso a 40 anni nel 2011. Veniva come lui da Mont Rolland, il villaggio che porta lo stesso nome del Santuario del Jura da cui erano partiti i monaci francesi che lo fondarono nell’800. Dopo la morte di Samb si era preso cura di sua figlia, l’ha adottata e con i soldi guadagnati in Italia l’ha fatta studiare. Qualche mese fa ha sposato sua madre, la vedova di Samb, che dopo anni ha ottenuto la cittadinanza e vive a Firenze. La ragazza li avrebbe raggiunti presto, raccontano gli amici. E invece anche Idy è stato ucciso: almeno due proiettili, uno alla testa e uno al torace, mentre altri non sarebbero andati a segno. I testimoni raccontano un’esecuzione: i primi colpi, una pausa e poi gli altri.

L’omicida, Roberto Pirrone, è stato fermato poco dopo da militari della Folgore dell’operazione Strade sicure e consegnato alla polizia, che peraltro lo stava già cercando perché sua figlia aveva dato l’allarme: “Mio padre è uscito con la pistola, dice che vuole uccidersi”. Una lettera lo conferma: quest’uomo, un ex tipografo incensurato, era in gravi difficoltà economiche e non sapeva come uscirne. Pirrone avrebbe spiegato alla polizia proprio questo: “Volevo suicidarmi ma poi non ho avuto il coraggio e ho sparato al primo adulto che ho incontrato”.

Il procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo, dopo l’interrogatorio condotto dal pm Giuseppe Ledda, gli crede. E aggiunge che Pirrone avrebbe anche evitato di fare fuoco su una mamma e i suoi bambini. Il procuratore esclude fini “razzisti” e sottolinea che “non sono emersi suoi legami con gruppi politici, tantomeno di destra o razzisti. Era un collezionista di armi – ha detto ancora Creazzo – e in casa sono stati trovati anche alcuni cimeli dell’ex Unione Sovietica”. A casa, in un alloggio popolare in cui Pirrone abita con la moglie e la figlia, la polizia ha sequestrato due pistole regolarmente denunciate e due fucili.

Sul ponte Vespucci Pirrone ha sparato con una Beretta semiautomatica, anche quella regolarmente detenuta per uso sportivo. Uso sportivo come Luca Traini, il fascioleghista che il 3 febbraio scorso a Macerata ha sparato, ferendoli, a sei immigrati africani perché aveva deciso di vendicare la 18enne Pamela Mastropietro uccisa e seviziata da un nigeriano. Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha dichiarato che ci vorrebbe “una stretta sui porto d’armi”. Al pm Pirrone ha confermato quanto detto in mattinata alla polizia, cioè che voleva suicidarsi. “Poi ci ha ripensato ma non voleva tornare a casa, preferiva andare in galera – ha ricostruito il procuratore Creazzo –. I problemi economici continuavano ad assillarlo, quei 30 mila euro di debiti erano motivo di continui litigi anche con la moglie”.

Ma tutto questo non ha tranquillizzato i senegalesi di Firenze, che hanno improvvisato un blocco stradale, poi un corteo fino a Palazzo Vecchio. Con la paura si è scatenata la rabbia: rovesciati alcuni vasi, divelti arredi urbani, caos e paura sotto la pioggia anche per i fiorentini e i turisti. L’imam di Firenze, Izzedin Elzir, segretario dell’Unione delle comunità islamiche italiane e figura di spicco dell’Islam nel nostro Paese, ha invitato tutti alla calma ma dice anche: “Ecco cosa succede dopo due mesi di campagna elettorale sull’odio contro gli stranieri e contro gli altri”. Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha detto che “i danni alla città sono inaccettabili”. Ma la tensione resta altissima perché nessuno ha dimenticato il 13 dicembre 2011 e l’uccisione di Samb Diop Mor, 40 e 54 anni. Anche Gianluca Casseri, il fascista che li uccise, aveva un porto d’armi per uso sportivo.

ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

by Carolina Orlandi

La sera del 6 marzo 2013 David Rossi...


LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...


B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca