Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia La cognata di Rita Atria dopo gli sfotto' in radio, 'Insulto a tutti i testimoni di giustizia'

Cronache Italia

La cognata di Rita Atria dopo gli sfotto' in radio, 'Insulto a tutti i testimoni di giustizia'

aiello piera c ansa"Li compatisco, sono due ignoranti e sto valutando se adire le vie legali. Quelle risatine mi hanno turbato, neppure i mafiosi hanno osato tanto, nelle aule di tribunale hanno mostrato più rispetto per la mia scelta di vita". Piera Aiello, cognata di Rita Atria e testimone di giustizia, candidata del M5s alla Camera in Sicilia, non nasconde la sua indignazione per quello sfottò andato in onda durante una trasmissione radiofonica del Trapanese. I due conduttori parlavano della sua candidatura e dell'impossibilità di inquadrarla per via del suo status di testimone di giustizia. "La metteranno sotto il banco" dice uno, "le verrà in aiuto il burqa" commenta una voce femminile. Battute che l'europarlamentare pentastellato, Ignazio Corrao, e il senatore dei Cinque Stelle, Maurizio Sant'Angelo, hanno subito bollato come "ironia inaccettabile e di cattivissimo gusto".
"Non le nascondo che ieri quando mi hanno fatto sentire quell'audio - racconta Aiello all'Adnkronos - mi sono molto arrabbiata. Avrei potuto accettare critiche alla mia candidatura, rilievi mossi alle mie scelte politiche, in quel caso sarebbero state bene accette come tutte le critiche costruttive, ma un attacco personale e che offende, oltre me, tutti coloro che hanno sacrificato la propria vita per la giustizia e la legalità è inaccettabile". Il fatto poi che "quelle risatine" siano arrivate dalla sua stessa terra per Piera Aiello che da anni vive in una località segreta è "ancora più grave". "Come si può sconfiggere la mentalità mafiosa - dice - se persone del mondo dell'informazione e che, quindi, dovrebbero essere più sensibili su questi temi si comportano così". Di più. "Questi due hanno detto che io vado nelle scuole a portare sempre 'la stessa minestra' - attacca -. Io giro le scuole, spendendo tempo e denaro, per parlare ai ragazzi di legalità. E' la legalità per loro 'la solita minestra'? Non vorrei pensare che siano a favore della connivenza".

'Rimborsopoli? Mele marce ovunque, ma M5s caccia chi sbaglia'
Sul fronte della lotta alle mafie per Piera Aiello c'è ancora tanto da fare. "Negli ultimi tempi - spiega - l'argomento è un po' scomparso dall'agenda politica, se ne parla meno. Siamo rimasti pochi superstiti. Il mio impegno, in caso di elezione, su questo fronte resterà intatto. Continuerò a girare le scuole, come ho fatto in questi anni, e a incontrare gli studenti. Non cerco visibilità e non sono una primadonna, ma una persona semplice e una madre di famiglia che dopo 26 anni ha deciso di rimettersi in discussione e di impegnarsi in prima persona". A Roma in caso di elezione porterà le sue battaglie. "Parlerò di legalità" assicura, spiegando che prima di ora le offerte non sono mancate. "Ho detto sempre di no, perché non mi sentivo pronta. A dire la verità anche adesso ho tanta paura, ma è un'occasione perché la mia voce possa essere amplificata e il lavoro fatto in questi anni possa arrivare più lontano".
Ma perché proprio il M5s? "Ho fatto un ragionamento da semplice cittadina. Per anni abbiamo avuto le stesse facce e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: un'Italia devastata. Perché non dare fiducia a questi ragazzi. E poi condivido tutti punti del programma del Movimento, che ha restituito fiducia a tanti italiani disillusi e pronti all'astensione". Resta lo scandalo 'rimborsopoli' che negli ultimi giorni ha fatto finire il movimento nell'occhio del ciclone. "Molti aspetti sono da chiarire - dice Piera Aiello -, comunque in ogni caso in tutti i partiti possono esserci le mele marce. La differenza rispetto agli altri è che il Movimento caccia chi sbaglia. Negli anni siamo stati abituati a parlamentari indagati e condannati. Oggi assistiamo al ritorno di Berlusconi, dopo che per anni le vicende legate a lui hanno fatto sì che l'Italia fosse derisa all'estero. Io andavo in giro e mi sentivo dire 'gli italiani del bunga bunga'. Il nostro Paese non è questo e bisogna che gli italiani tornino ad avere speranza".

Foto © Ansa

AdnKronos

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa