Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Tagli al centro Pio La Torre, chiesto accesso ad atti: ''Scelta ingiusta, vogliamo conoscere motivazioni''

Cronache Italia

Tagli al centro Pio La Torre, chiesto accesso ad atti: ''Scelta ingiusta, vogliamo conoscere motivazioni''

lo monaco vito 610di Antonio Mercurio
I legali del centro studi solo hanno presentato formale istanza di accesso agli atti della giunta regionale. Una somma inferiore rispetto alla cifra proposta dalla commissione valutatrice (80mila euro) e a quella originariamente richiesta (279.900 euro) a fronte delle attività programmatiche e divulgative svolte nel corso del 2017

«Siamo stati i più penalizzati. Dobbiamo sapere quali sono le motivazioni che hanno portato il governo regionale a compiere questo passo che riteniamo ingiusto. Anche per un eventuale ricorso al Tar, dobbiamo prima conoscere le ragioni che hanno determinato questa scelta». Brucia ancora la decisione del governo regionale di versare come contributo in favore del centro Pio La Torre solo 16.800 euro, come spiega il presidente Vito Lo Monaco. Già annunciata nei giorni scorsi, il centro studi solo oggi ha presentato formale istanza di accesso agli atti della giunta Musumeci. Una somma inferiore rispetto alla cifra proposta dalla commissione valutatrice (80mila euro) e a quella originariamente richiesta (279.900 euro) a fronte delle attività programmatiche e divulgative svolte nel corso del 2017.

«Non si comprende la ragione - si legge nell'istanza, redatta dallo studio legale dell'avvocato Lucia Di Salvo - per cui si sia proceduto ad una così pesante riduzione del contributo assegnato. In tal modo si vanifica, di fatto, la stessa possibilità per il centro studi di realizzare la propria attività, impedendo il raggiungimento dei conseguenti obiettivi e penalizzando la storia ultratrentennale del centro stesso il cui valore è stato riconosciuto più volte anche dai più alti livelli istituzionali. Inoltre la gran parte delle iniziative in questione risultano essere state già svolte ed eseguite confidando proprio sull'assegnazione del contributo regionale, con le evidenti gravissime ripercussioni sulla stessa possibilità di sussistenza del centro».

Si richiede in particolare accesso al verbale del 15 novembre con cui la commissione regionale ha esitato le proprie valutazioni e ha redatto l'elenco delle istanze pervenute e valutate; della nota del 20 novembre con cui il dipartimento dei Beni culturali ha trasmesso alla Segreteria generale della Presidenza della Regione siciliana l'elenco delle istanze con le valutazioni della commissione; della deliberazione della Giunta Regionale del 28 dicembre con la quale sono state attribuite a ciascun dipartimento le risorse stanziate e di tutti gli altri atti a questi connessi che hanno portato alla determinazione dell'ammontare del contributo.

palermo.meridionews.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa