Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Da anni i criminali spadroneggiano sotto gli occhi d'un popolo impaurito. Non accorgersene e' essere complici

Cronache Italia

Da anni i criminali spadroneggiano sotto gli occhi d'un popolo impaurito. Non accorgersene e' essere complici

auto marciapiedeA chi ha sparato dico: consegnati alle forze di polizia, fallo presto, perché non si può distruggere la vita di un'innocente e il futuro di Bitonto
di Gennaro Ciliberto*
Ultim'ora. Doppia sparatoria a Porta Robustina, muore un'anziana: non avrei mai voluto leggere questo titolo, dopo che pochi giorni fa un ragazzino quattordicenne è stato colpito alla testa da un proiettile vagante, accadeva in provincia di Napoli ed ora lotta tra la vita e la morte. Se è vero che i proiettili sono vaganti a sparare è la mano del criminale, dell uomo che sempre più spavaldo e spregiudicato incute terrore e distruzione. Tristemente a Bitonto... e non solo, sono anni che questi miserabili criminali si separano per strada, sfrecciano su moto o bici elettriche modificate sotto gli occhi di un popolo impaurito che è ostaggio. Qualcuno mi ha sempre tacciato di allarmismo, ma chi lo faceva aveva solo fini personali. Non vedere cosa accade a Bitonto è come essere complici. Un esempio di anti Stato che troppo spesso la vince sulla reazione immediata, che perciò man mano scompare. Vero, non si può militarizzare una città, ma d'altronde mi chiedo: la criminalità non è in guerra? Un effetto emulazione che coinvolge anche i giovanissimi che "viaggiano" già armati consapevoli di saper sparare. Ora, a pochi giorni dall'assassinio, il mio appello va a colui che ha sparato: consegnati alle forze di polizia, fallo presto, perché non si può distruggere la vita di un'innocente e il futuro di Bitonto.

* testimone di giustizia

dabitonto.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa