Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Omicidio Fragala': testimone racconta aggressione

Cronache Italia

Omicidio Fragala': testimone racconta aggressione

fragala enzo sorriso c ansaPalermo. "Sono sceso intorno alle 20.30, intorno alle 20.35 ero all'altezza del bar Sanremo, poi ho girato andando verso via Turrisi. Ho visto l'aggressione: un uomo alto e robusto colpiva con un bastone di legno lucido, forse il piede di un tavolino, un altro uomo. Non c'erano grida, né parole". Così Maurizio Cappello, testimone oculare dell'omicidio dell'avvocato Enzo Fragalà, ha raccontato davanti alla corte d'assise l'aggressione del 23 febbraio 2010 (il legale morirà tre giorni dopo, senza essersi mai ripreso dal coma). Sotto processo sono Paolo Cocco e Francesco Castronovo, presunti esecutori materiali del delitto, il boss del mandamento di Porta Nuova Francesco Arcuri, i presunti mafiosi del Borgo Vecchio Antonino Abbate e Salvatore Ingrassia e Antonio Siragusa che avrebbero pianificato e organizzato il raid. "Mi sono avvicinato - ha proseguito - e sono arrivato a pochi metri, tanto che l'aggressore mi ha fatto un gesto con la mano come a dire 'che vuoi?'. Quando l'uomo alto è fuggito a bordo di un motorino ha sgommato all'altezza della curva e ho sentito cadere il bastone. Tre rimbalzi e poi di nuovo silenzio". Nell'aula sono state proiettate le immagini delle telecamere che inquadrano i testimoni e le strade vicino al palazzo di giustizia di Palermo, a pochi passi dal luogo dell'agguato. Secondo i ricordi di Cappello, l'uomo indossava un bomber e scarpe nere, che dovevano avere la suola di gomma, perché quando scappò non si sentì niente. Poi arrivarono diverse altre persone. Ci fu uno che gli chiese: "Enzo, sei tu?". Cappello chiese: "Ha bisogno di qualcosa?". "Sì, devo andare in bagno", avrebbe risposto Fragalà. Ma poi si accasciò.

ANSA

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia