Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Jesi, arriva Letizia Battaglia, denuncio' la mafia attraverso i suoi scatti

Cronache Italia

Jesi, arriva Letizia Battaglia, denuncio' la mafia attraverso i suoi scatti

battaglia letizia web0di Sara Ferreri
Tre giorni di lezione, dal 22 al 24 settembre, al ''Magazzino d’Arte''
Jesi
(Ancona). Letizia Battaglia, una delle più grandi fotoreporter viventi, una leggenda, vera eroina della fotografia approderà, a Jesi per uno workshop di tre giorni. La chicca è ancora una volta di Davide Zannotti, deus ex machina dell’intrattenimento cittadino. Gestore dell’Hemingway Cafè, Zannotti ha fondato l’associazione «Magazzino d’arte» e nei sotterranei di Costa Mezzalancia porta registi, attori, musicisti di fama internazionale per delle giornate di studio aperte a tutti e serate di spettacolo in piazza delle Monnighette. Stavolta, dal 22 al 24 settembre, l’opportunità è offerta ad appassionati fotografi, fotoreporter e non solo. Una tre giorni con la fotoreporter che ha fatto l’impossibile per documentare la mafia, anche con grande rischio personale.
Lei che abbraccia il più profondo ruolo di una fotoreporter, quella di denuncia per cercare di rendere la società migliore. Testimone silenziosa della vita e della società del nostro Paese. «Letizia Battagliaha detto di lei il regista Wim Wenders - è una delle mie eroine della fotografia contemporanea. Non ha solo un grande occhio ma anche un gran cuore. Il suo lavoro di testimonianza a Palermo, in cui denuncia la mafia e i suoi atroci delitti, rappresentano uno dei più coraggiosi traguardi per un fotografo oggi. Ti amo, Letizia, per essere la stupenda persona che sei e per tutto quello che sei riuscita a creare». Tra i suoi scatti più celebri quello dell’arresto di Leoluca Bagarella in ceppi, scatto che ritrae la ferocia del suo sguardo braccato.
Il "Magazzino d’arte" di Zannotti ha appena ospitato il premio Oscar, sceneggiatore de «La Grande Bellezza», Umberto Contarello ma anche Alessandro Haber che tornerà in piazza delle Monnighette il 27 agosto (ore 21,30, ingresso libero) che recita e canta Charles Bukowsky. Sarà l’appuntamento che chiude il cartellone di «Hemingway Theatre» al via il 23 agosto con la comicità di Gianni Bardi noto al grande pubblico per i suoi monologhi a Zelig e il suo «Dico delle robe». Info e costi workshop: 335 362984 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

ilrestodelcarlino.it

 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta