Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia La follia dell'arte nei due volumi di Gino Pantaleone e Pino Clemente

Cronache Italia

La follia dell'arte nei due volumi di Gino Pantaleone e Pino Clemente

mostre clemente pataleoneLa presentazione sabato 15 all'Homi Country Retreat
S'intiola "Ars sana in mente insana" il cofanetto di due tomi – "Droga nell'arte" di Pino Clemente e "La follia nell'arte - Storia e indagini sull’arte e la follia" di Gino Pantaleone – che verrà presentato alle 19 di sabato 15 luglio all'Homi Country Retreat, in via Madre Teresa di Calcutta 75, a Partinico.

Due percorsi letterari – il primo con prefazione di Maurizio Crispi, medico psichiatra, specialista in dipendenze patologiche; il secondo a cura di Aldo Gerbino, poeta e scrittore, ordinario di Istologia e Embriologia alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Palermo, con un contributo di Alessia Misiti, pianista, musicoterapista, laureata in Direzione di Coro e Didattica della Musica – che raccontano due diversi modi di avvicinarsi al mondo dell'arte.

"La convinzione comune – scrive Gino Pantaleone nella sua introduzione – che l’arte sia una forma di svelamento del sé e delle verità invisibili che sono dentro di noi, ma soprattutto quel mistero che ruota attorno all’artista e alla sua più o meno dichiarata o visibile follia, è stata condizione fondamentale per convincermi che a questo argomento, che da tempo mi affascinava, avrei dovuto dare un ordine. Ma l’artista, in genere, è un individuo che rientra nella normalità, oppure, per esternare le sue potenzialità deve necessariamente essere un diverso, un folle, deve, insomma, avere una patologia?".

Insieme a Gino Pantaleone, sabato pomeriggio, ci saranno Antonietta Greco Giannola, segretario generale della Onlus "Hatikvah Israel – Memoria nel Cuore", e Sergio Mascarà, docente di pianoforte al Conservatorio di Fermo e presidente dell'associazione Culturale "Polifonie d'Arte".

Al termine, si potrà partecipare tutti a un momento conviviale con un aperitivo rinforzato caratteristico dell' Homi Country Retreat, tutto con pietanze bio, al prezzo di € 10.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca