Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia 35 anni dalla Strage della Circonvallazione: il ricordo delle vittime dell’attentato

Cronache Italia

35 anni dalla Strage della Circonvallazione: il ricordo delle vittime dell’attentato

Strage della circonvallazione 500Palermo. Tenutasi oggi la commemorazione per il 35° anniversario della “Strage della Circonvallazione“ a Palermo. La strage avvenne il 16 giugno 1982 in Viale della Regione Siciliana, 500 metri prima dello svincolo per Sferracavallo, dove a perdere la vita furono l’appuntato Silvano Franzolin, i due carabinieri Luigi Di Barca e Salvatore Raiti, l’autista Giuseppe Di Lavore e il detenuto Alfio Ferlito. Obiettivo dell’attentato mafioso, organizzato da “Cosa nostra“, era proprio Alfio Ferlito, il detenuto che doveva essere trasportato da Enna a Trapani. Mandante della strage fu Nitto Santapaola, che da anni combatteva contro Ferlito una guerra per il predominio sul territorio etneo. Stamani, nel giorno del 35° anniversario della strage, è stata deposta una corona di fiori sulla lapide dei caduti in memoria del loro sacrificio; proprio durante il corso della commemorazione è stato ricordato come il contributo di sangue versato dalle vittime oggi ricordate e da quante altre sono presenti nel “giardino della memoria” abbia sicuramente reso Palermo diversa da quella degli anni 80/90. Tra i presenti alla commemorazione della strage, c’erano anche il Comandante Legione Carabinieri Sicilia, generale Riccardo Galletta, il Comandante Provinciale Palermo Guardia Finanza, generale Giancarlo Trotta, il Comandante Provinciale Carabinieri Palermo, col. Antonio Di Stasio, le sorelle ed il fratello del carabiniere Salvatore Raiti, Giovanna, Concetta e Massimo e la vedova dell’appuntato Silvano Franzolin, Gaetana Camerino e la figlia Maura.

newsicilia.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta