Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Caso Niceta, la prefetta promette impegno. ''Io aspetto ma nel frattempo noi moriamo''

Cronache Italia

Caso Niceta, la prefetta promette impegno. ''Io aspetto ma nel frattempo noi moriamo''

2017 06 14 Niceta Angelo Silvia BuffaInterrogazione parlamentare su Niceta, la replica dei familiari
Dopo due sit-in di fronte ai cancelli di via Cavour, è avvenuto questa mattina l’incontro fra Antonella De Miro e l’ex imprenditore. L'uomo dice di non avere i mezzi per provvedere a se stesso e alla famiglia dopo aver denunciato ai magistrati le collusioni fra la mafia e la borghesia palermitana, inclusi i suoi parenti più vicini
di Silvia Buffa 
"Stiamo pensando a te". Così avrebbe detto questa mattina la prefetta Antonella De Miro ad Angelo Niceta, ascoltato per circa due ore insieme all’avvocato Rosalba Vitale. L’ex imprenditore, tuttavia, preferisce restare scettico. "Certezze non me ne ha date - spiega a MeridioNews - Ha detto che sta valutando assieme a tutti gli altri organi, cioè con la Questura e la Procura, quali saranno le mosse da fare. Ha definito la mia situazione straordinaria e urgente, cercheranno in pochi giorni di predisporre mezzi e strumenti necessari per fronteggiarla. Nel frattempo noi moriamo", includendo anche la sua famiglia. Il digiuno totale di Angelo, infatti, continua. Oggi sono già due settimane che non tocca cibo e non mostra alcuna intenzione di arretrare rispetto a questa decisione, malgrado il fisico stia cominciando a cedere. "La mia protesta è obbligata", dice infatti. Non lo ferma il rapido dimagrimento, la congiuntivite all'occhio destro o la febbre degli ultimi giorni. "Oggi probabilmente dovrò andare in ospedale, comincio ad avere dei problemi renali - rassicura - Io potrei anche ripensarci, ma per cosa? Il problema sussiste a prescindere dal mio sciopero, che io lo voglia o no non so come sopravvivere".

Motivo che lo spinge fortemente ad andare avanti. "Almeno così si saprà ufficialmente e la gente capirà che lo Stato sta contribuendo ad accelerare e ad imporre il mio annientamento voluto dalla mafia". Un annientamento, secondo Niceta, voluto e cominciato da Cosa nostra e che adesso le istituzioni a più livelli starebbero continuando. "Ci sono testimoni di giustizia che hanno raccontato cose relative a fatti del passato, discorsi oggi conclusi per i quali, però, continuano ad avere una scorta - prosegue - Io invece devo ancora iniziare, dovrò testimoniare in altri procedimenti. Cosa vogliono che dica? Che mi spavento e non posso dire più niente? Forse vogliono proprio questo". Silenzio ancora anche da parte del Comune. Il sindaco Leoluca Orlando aveva declinato l’invito dei giorni scorsi a prendere parte al flash mob, organizzato di fronte ai cancelli di via Cavour per chiedere un incontro con la prefetta De Miro. La sua partecipazione, a suo dire, sarebbe stata probabilmente strumentalizzata nell’ambito del contesto delle elezioni. Tuttavia aveva preso contatti privati con Angelo e la sua famiglia, ma lo scetticismo resta anche in questo caso. "Orlando mi aveva detto che mi riceveva ma io ancora non l’ho visto - dice Niceta - sono in attesa, forse aspetta che io sia morto".

Continua anche l’isolamento sociale. "La mafia dice a tutti di non aiutarmi. Chi invece non è mafioso pensa che io sia un collaboratore e quindi preferisce tenersi a distanza. Stesso discorso anche da parte delle associazioni antimafia, che si chiedono il perché di questo mio status e non si sbilanciano - spiega ancora - Per non parlare dei miei familiari, li ho denunciati io. Non ho possibilità di vivere". La prefetta De Miro ha assicurato che lavorerà anche alla modifica ufficiale dello status di collaboratore. "Non è un caso che il sostituto procuratore Nino Di Matteo anche in udienza pubblica nel processo sulla trattativa abbia sottolineato che io sono un testimone di giustizia ed è in qualità di questo status che sono stato inserito in un programma di protezione speciale". All’ex imprenditore non resta quindi che aspettare una risposta da parte delle istituzioni cittadine. 

Tratto da: palermo.meridionews.it

Foto © Silvia Buffa

ARTICOLI CORRELATI

Interrogazione parlamentare su Niceta, la replica dei familiari

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...

FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...


IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca