Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Gregorio Porcaro (Libera) contro le scritte sui muri di Locri indirizzate anche a don Luigi Ciotti

Cronache Italia

Gregorio Porcaro (Libera) contro le scritte sui muri di Locri indirizzate anche a don Luigi Ciotti

«Siamo di fronte a messaggi vili di cui nessuno si prenderà la responsabilità, che denotano certamente un forte disagio ma contro cui bisogna rispondere continuando a lavorare».

Parla così Gregorio Porcaro, coordinatore regionale di Libera in Sicilia, commentando le scritte apparse sui muri dell'arcivescovado di Locri, dov’è ospite in questi giorni don Luigi Ciotti per la XXII “Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, che si celebrerà domani, martedì 21 marzo.

"Più lavoro meno sbirri", "Don Ciotti sbirro" sono solo alcune delle scritte che hanno scosso tutti coloro i quali conoscono il lavoro che Libera porta avanti da sempre nei terreni confiscati alla mafia e in tutti i territori in cui l’ingerenza delle mafie è costante e si fa sentire.

«Siamo i primi, da sempre, a dire che il lavoro è necessario, anzi che è il primo antidoto alle mafie. Ma che sia un lavoro onesto – scrive Don Luigi Ciotti -, tutelato dai diritti, non certo quello procurato dalle organizzazioni criminali. Gli "sbirri" - che sono persone al servizio di noi tutti - sarebbero meno presenti se la presenza mafiosa non fosse così soffocante. Noi è con questa Calabria viva, positiva, che costruiamo, trovando in tante persone, soprattutto nei giovani, una risposta straordinaria, una straordinaria voglia di riscatto e di cambiamento».

«Risposta che diamo ogni giorno sul campo – aggiunge in conclusione Porcaro – dimostrando quanta forza hanno i nostri volontari e coloro che sposano il percorso di legalità compiuto da sempre da Libera. Un impegno che chiama in causa tutti e che, soprattutto in momenti difficili come questo, dimostra tutta la forza che sta alla base di Libera. Domani saremo in tanti a Trapani, una delle 4mila piazze in cui si celebrerà questa giornata, sicuramente speciale per tutti noi».

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...


CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta