Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Ilaria Alpi, la madre: ''Basta iniziative. Io umiliata e offesa da formali ossequi di chi ha operato per occultare la verità''

Cronache Italia

Ilaria Alpi, la madre: ''Basta iniziative. Io umiliata e offesa da formali ossequi di chi ha operato per occultare la verità''

alpi ilariaLa madre di Attilio Manca: "Non smettere mai di lottare, arriverà il momento in cui i nostri figli potranno avere giustizia"

Smetterà di cercare la verità giudiziaria dalle procure e anche di organizzare eventi in onore della figlia assassinata. Il motivo? “Dolore e umiliazione di formali ossequi”. Sono le parole utilizzate da Luciana Alpi, madre di Ilaria, la giornalista uccisa in Somalia il 20 marzo 1994. “Ho deciso di astenermi d’ora in avanti dal frequentare uffici giudiziari e dal promuovere nuove iniziative. Non verrà però meno la mia vigilanza contro ogni altro tentativo di occultamento“, ha detto la donna alla vigilia del ventitreesimo anniversario dell’omicidio della figlia.

“Con il cuore pieno di amarezza, come cittadina e come madre – continua – ho dovuto assistere alla prova di incapacità data, senza vergogna, per ben ventitré anni dalla Giustizia italiana e dai suoi responsabili, davanti alla spietata esecuzione di mia figlia Ilaria e del suo collega Miran Hrovatin. Al dolore si è aggiunta l’umiliazione di formali ossequi da parte di chi ha operato sistematicamente per occultare la verità e i proventi di traffici illeciti. Da ultimo, dopo la sentenza della Corte d’Appello di Perugia mi ero illusa che i nuovi elementi di prova inducessero la procura della Repubblica ad agire tempestivamente per evitare nuovi depistaggi e occultamenti”.

Il riferimento è per la sentenza della corte d’appello di Perugia che ha assolto il somalo Hasci Omar Hassan dall’accusa di avere partecipato all’omicidio di Alpi e Hrovatin, al termine del processo di revisione. “Dopo 23 anni di bugie e depistaggi da parte della procura di Roma, ringrazio i magistrati perugini per avermi restituito la speranza. Gradirei che il Presidente della Repubblica leggesse le motivazioni della sentenza nel processo di revisione di Hasci Omar Hassan. Mi auguro che ora i magistrati di Roma si decidano a darci verità e giustizia. Datemi una mano per non far ricadere nell’oblio Ilaria e Miran”, aveva detto Luciana Alpi, in quell’occasione. Una dichiarazione di speranza, che sembrava essere cresciuta nel febbraio scorso quando la procura di Roma aveva aperto un’indagine per depistaggio sui fatti di Mogadiscio.

E invece adesso la madre di Ilaria Alpi getta la spugna. “Non posso tollerare ulteriormente – dice – il tormento di un’attesa che non mi è consentita né dall’età né dalla salute. Per questo motivo ho deciso di astenermi d’ora in avanti dal frequentare uffici giudiziari e dal promuovere nuove iniziative. Non verrà però meno la mia vigilanza contro ogni altro tentativo di occultamento. Ringrazio i colleghi di Ilaria, la Federazione Nazionale della Stampa e l’opinione pubblica per essermi stati vicini”.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it


Angela Manca: "Cara Luciana, non smettere mai di lottare, arriverà il momento in cui i nostri figli potranno avere giustizia"
La madre di Attilio Manca si rivolge a Luciana Alpi dalla sua pagina facebook

manca angela 1"Voglio rivolgere un appello accorato a Luciana: ti prego, non arrenderti, continua a lottare; sto subendo quello che tu hai subito con l'aggravante di veder distrurtta la reputazione e l'onorabilità di mio figlio da parte di gente senza scrupoli e senza dignità. A Messina anni fa è stato ucciso il professore Bottari, perchè, si pensa, avesse scoperto una partita di armi nascosta in uno scatolone all'Università. Non se ne è saputo più nulla.
Luciana non smettere mai di lottare, arriverà il momento in cui in Italia ci saranno dei politici seri e responsabili; arriverà il momento in cui i nostri adorati figli potranno avere giustizia!"

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...


CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta