Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Legge Bacchelli a Riccardo Orioles, la Fnsi: ''Sarebbe bello festeggiare insieme il riconoscimento il 21 marzo''

Cronache Italia

Legge Bacchelli a Riccardo Orioles, la Fnsi: ''Sarebbe bello festeggiare insieme il riconoscimento il 21 marzo''

orioles riccardo brindisi reportLa Fnsi rilancia l’appello di don Lugi Ciotti affinché vengano concessi i benefici della legge Bacchelli al giornalista che con Pippo Fava fondò ‘I Siciliani’: «Sarebbe bello festeggiare insieme la notizia in occasione della Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime di mafia».

«Sarebbe bello che in occasione del 21 marzo, Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, che quest'anno si svolge a Locri, si potesse accogliere la notizia della concessione dei benefici della legge Bacchelli a Riccardo Orioles». Lo ha detto don Luigi Ciotti intervenendo in una scuola della Locride parlando della situazione del giornalista, noto per l'impegno professionale quarantennale contro le mafie e la corruzione.

Un appello che la Federazione della Stampa fa suo e rilancia. «Sarebbe bello festeggiare insieme l’atteso riconoscimento a Riccardo Orioles, fondatore insieme a Pippo Fava della rivista “I Siciliani” e maestro di decine di croniste e cronisti impegnati da sempre sul terreno della legalità e del contrasto al fenomeno mafioso», dicono il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, e il responsabile per i progetti di educazione alla legalità del sindacato dei giornalisti, Michele Albanese.

«Sarebbe – proseguono – non solo un riconoscimento dovuto, ma anche, per la prima volta, un riconoscimento dato ad un giornalista che ha dedicato la sua vita all’impegno civile e a contrastare il malaffare e la corruzione, contribuendo così a “dare lustro” e onorare la Patria e la Costituzione della Repubblica. E sarebbe anche la risposta ad una petizione popolare che ha raccolto oltre 40mila firme, tra le quali quelle dei presidenti delle Camere, Pietro Grasso e Laura Boldrini».

fnsi.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta