Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia La notte piu' lunga di Renato Accorinti

Cronache Italia

La notte piu' lunga di Renato Accorinti

accorinti aula consiliare meIl sindaco resiste all’assalto posto in essere da una maggioranza consiliare che al voto di sfiducia si è presentata divisa. I consiglieri del Pd e di Forza Italia “sconfessano” i propri rispettivi capigruppo Russo e Trischitta
di Sebastiano Caspanello
Il verdetto arriva a notte fonda, in un'aula consiliare strapiena come mai s'era visto prima, dopo attimi di altissima tensione nonostante i giochi fossero abbondantemente fatti: Renato Accorinti resta sindaco, esce da Palazzo Zanca con un enorme sorriso stampato in faccia e le spalle larghe di chi ha capito di aver superato una bufera potenzialmente letale, e ora può navigare su un mare piatto verso lidi sicuri. Come sarebbe andata a finire la telenovela della sfiducia lo si è capito con una buona dose di certezza nel primo pomeriggio. Quando a Palazzo Zanca sono arrivati i genovesiani e quando è andata delineandosi la spaccatura tutta interna al Pd. Troppe tessere del mosaico sono venute meno in poche ore, nonostante in mattinata ci fosse stato il ribaltone di Elvira Amata, passata in un amen dal più che probabile no ad un fermo si, pare per una precisa indicazione giunta dalla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. Ma non è bastato, non poteva bastare. Tre si in meno dal Pd (Cardile, Gennaro e Iannello), che hanno clamorosamente isolato la capogruppo Antonella Russo al termine di un pomeriggio ad alta tensione in casa Dem; tre si in meno dall'area Forza Italia, dove alla fine quello che da ieri può essere chiamato come “gruppo Vaccarino” (lo stesso Benedetto Vaccarino, Riccardo Pagano e Carmelina David) si è astenuto, mentre l'unico si tra gli indecisi, alla fine, è quello di Simona Contestabile. Aggiungiamoci l‘assenza, ufficialmente per motivi di salute, di Rita La Paglia, e l'astensione “da presidente” di Emilia Barrile (ma c'è chi giura che se fosse stato determinante, il suo voto sarebbe stato un Sì) ed ecco che la mozione di sfiducia ha finito per sciogliersi come neve al sole. Ogni calcolo è stato rivisto al ribasso: altro che i 27 voti necessari perché la sfiducia passasse, non si è riusciti a superare quota 23, col rischio concreto, ad un certo punto della maratona consiliare, di andare anche più giù. Le previsioni della vigilia sono state in gran parte rispettate, fatta eccezione, appunto, per la Amata.accorinti renato me c giorgio barbagallo L'ago della bilancia era rappresentato dagli incerti, e quindi dai genovesiani e dal Pd. In entrambi i casi, le riunioni dell'ultima sono state caratterizzate anche da toni accesi, ma non sono state sufficienti a cambiare le carte in tavola. Ammesso che ci fosse la piena volontà di tutti a cambiarle realmente. Da Vaccarino arrivano anche precise frecciate su presunti accordi già presi altrove sul prossimo candidato a sindaco (nemmeno tanto velato il riferimento all'assessore regionale Carlo Vermiglio). E il Pd? Forse è qui che si consuma la spaccatura più “sanguinosa”. La Russo resta da sola, a sostenere in aula quella che era stata annunciata come linea di partito, concordata col commissario Ernesto Carbone. Lapidario Cardile: «Ci era stato chiesto il sì perché non si poteva lasciare che a gestire i fondi del Masterplan fosse questa Amministrazione». Compatti ex Udc e N cd, così come gli altri firmatari della sfiducia. La mano tesa di Santalco («il sindaco confermi per iscritto la volontà di un patto di fine mandato») è stata accolta a metà da Accorinti («nessun inciucio, ma massima apertura si»).
Sono quasi le due di mattino, poi, quando si scatena il putiferio: interviene Donatella Sindoni, il pubblico (tutto pro Accorinti) sugli “spalti” si volta di spalle, Trischitta invoca l'intervento dei vigili urbani, la Barrile chiede che vengano cacciati tutti e va via dall'aula furibonda: «Io così non vado avanti». Tutto rientra (in un clima di improvviso gelo) dopo l'intervento della Digos. E la sostanza non cambia: la fascia tricolore resta addosso ad Accorinti. Inizia l'ultimo anno di mandato. In uno scenario politico tutto da decifrare.

Tratto da: gazzettadelsud.it

ARTICOLI CORRELATI

Accorinti resta sindaco: bocciata la sfiducia grazie alle fratture del Pd e dei genovesiani

Sfiducia: l’intervento in aula del Sindaco Renato Accorinti (video)

“Mi sfiduciano? Io non mollo”. La difesa di Accorinti contro “pupari” e “yes man”

Umiltà e fierezza. Lettera aperta di Renato Accorinti

Salvatore Borsellino: L'ora legale

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

IL RITORNO DEL PRINCIPE

IL RITORNO DEL PRINCIPE

by Saverio Lodato, Roberto Scarpinato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


L'AGENDA ROSSA DI PAOLO BORSELLINO

L'AGENDA ROSSA DI PAOLO BORSELLINO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Questo non è soltanto un libro su un’agenda...

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...


PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta