Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Nuova archiviazione per la giornalista Amalia De Simone. ''Una bella rivincita''

Cronache Italia

Nuova archiviazione per la giornalista Amalia De Simone. ''Una bella rivincita''

de simone amaliaLa querela contro Amalia De Simone era temeraria. Lo ha deciso il Gup del tribunale di Napoli rigettando gli addebiti mossi alla cronista a seguito di una complessa inchiesta pubblicata dal Corriere della Sera più di due anni fa e costata mesi di lavoro. Amalia De Simone, giornalista da poco insignita dal presidente della Repubblica dell’onorificenza di cavaliere al Merito della Repubblica Italiana, si è vista riconoscere dal giudice l’ennesima archiviazione. «Oggi il Gup ha deciso che avevo ragione io», scrive su Twitter la collega, commentando: «Le querele temerarie sfiancano. Ma oggi mi sono presa una bella rivincita».
Una rivincita che la cronista condivide, sempre via social network, con chi si batte contro le querele temerarie e con il quotidiano di via Solferino, che l’ha affiancata e sostenuta nel corso della battaglia legale. Una decisione che anche la Fnsi accoglie con grande soddisfazione.

L’inchiesta, pubblicata il 18 giugno 2014, riguardava un traffico internazionale di cocaina dal Sud America verso il porto di Gioia Tauro e alcuni porti Usa. Ecco come Amalia De Simone racconta la vicenda.
«Coincidenze: oggi l’ennesima archiviazione per una querela temeraria. Riguardava un’inchiesta molto complessa su un traffico internazionale di cocaina dal Sud America nel pesce congelato verso il porto di Gioia Tauro e alcuni porti Usa. Mi costò fatica e mesi di lavoro. Non mi accontentai di una testimonianza, trovai le foto della cocaina nel pesce e poi anche le mail che si scambiavano. Erano coinvolti personaggi molto ricchi e importanti. Era il 18 giugno 2014. Il pm aveva già chiesto l’archiviazione ma il miliardario che dal suo paradiso dorato a Panama si era preso il disturbo di querelare questa rompicoglioni si era opposto. Oggi il Gup ha deciso che avevo ragione io. E oggi c’è stata una operazione delle forze di polizia antimafia che ha individuato un traffico di cocaina attraverso il pesce surgelato dal Sud America alla Calabria… Vista l’attinenza e la coincidenza, oggi riproponiamo l’inchiesta sul Corriere. Questo lavoro a volte ti sfianca e le intimidazioni fatte attraverso l’uso della “giustizia” possono durare anni… Ma oggi mi sa che mi sono presa una bella rivincita. Grazie a chi mi è stato vicino».

Riproponiamo qui il link all’inchiesta di Amalia De Simone ripubblicata oggi dal Corriere.it

articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL SANGUE NON SI LAVA

IL SANGUE NON SI LAVA

by Fabrizio Capecelatro

Dal traffico illecito di rifiuti all’omicidio di Don...

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

STORIA DI UNA PASSIONE POLITICA

by Tina Anselmi, Anna Vinci

Tina Anselmi ripercorre i momenti più significativi del...


IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

IL BANDITO DELLA GUERRA FREDDA

by Pietro Orsatti

In questo Paese, dove l’atto di nascita della Repubblica fu...

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...


SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta