Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Cronache Italia Gratteri a ''Presadiretta'': ''Fu Napolitano a non volere la mia nomina a ministro''

Cronache Italia

Gratteri a ''Presadiretta'': ''Fu Napolitano a non volere la mia nomina a ministro''

gratteri napolitanoIl magistrato antimafia e procuratore capo di Catanzaro racconta a Riccardo Iacona la mancata nomina a ministro della Giustizia nel governo Renzi

“Mi e’ stato detto che fu Giorgio Napolitano a non volere la mia nomina. Non capisco perche’ un magistrato non possa fare il ministro della Giustizia”. Nicola Gratteri, procuratore capo di Catanzaro, racconta come e’ andata sulla sua mancata nomina a ministro della Giustizia nel governo Renzi, e lo fa in un’intervista a Riccardo Iacona che andra’ in onda domani alle 21.15 su Rai3 nello spazio ‘Iacona Incontra’, novita’ della nuova stagione di ‘Presadiretta’ che parte appunto domani.

Guardasigilli mancato. Due anni fa, nel febbraio del 2014, proprio negli studi del programma Iacona aveva chiesto a Gratteri se fosse disposto a fare il ministro in caso di richiesta. E dopo l’intervista Gratteri incontra Renzi che lo inserisce nella lista dei ministri. “Ero nell’elenco dei sedici ministri – racconta il magistrato – e ho accettato perche’ mi era stato garantito di avere carta bianca nel fare le riforme che servivano a far funzionare il processo penale, quelle riforme che servivano a non rendere conveniente delinquere”. Poi e’ andata a finire diversamente. Gratteri la spiega cosi’: “La verita’ e’ che sostanzialmente io sono troppo indipendente, non sono collocabile in nessuna corrente. Sono un ribelle, per natura un rivoluzionario, una persona che non vuole essere collocata da nessuna parte ne’ appartenere a qualcosa o a qualcuno. Al potere non interessa se tu sei di destra o di sinistra o di centro, il potere vero vuole che ci sia sempre qualcuno sopra di te che garantisca per te”.

Lotta alla prescrizione. Gratteri durante l’intervista parla anche della collaborazione avuta con il governo Letta e successivamente con il governo Renzi che ha prodotto un rapporto fatto di 150 punti. “Abbiamo cercato di far funzionare il codice di procedura penale perche’ il motivo principale per cui i reati si prescrivono e’ che i processi non si celebrano per cose banali, apparentemente irrilevanti. Per esempio quando uno dei tre componenti del collegio cambia, il processo ricomincia da capo. E intanto i mesi passano e il reato si prescrive. Ogni giorno in Italia ci sono 44mila uomini della polizia penitenziaria, 10mila di questi ogni mattina sono in giro per l’Italia perche’ devono portare l’imputato o il testimone di giustizia in aula a testimoniare. Tutto questo costa 70 milioni di euro l’anno. Soldi con cui potremmo assumere cancellieri, segretari, uomini della polizia penitenziaria. Questo e’ un solo articolo della riforma, passato alla Camera e fermo al Senato”.

Ridurre i tempi del processo. A giudizio di Gratteri, con il solo intervento sulla semplificazione procedurale o con queste idee applicate “i tempi del processo si ridurrebbero tranquillamente del sessanta per cento”. In questo modo quel 60% dei processi che vanno in prescrizione non andrebbero in prescrizione. “La gente non crede in noi perche’ non ha fiducia, perche’ non diamo risposte. Noi dobbiamo intervenire sui reati cosiddetti ‘bagatellari’, io ho bisogno – dice ancora il magistrato nell’intervista televisiva – che la gente creda in me perche’ se oggi do risposte su una truffa online, domani la stessa persona mi denuncia un’estorsione, mi denuncia un’usura”. Da otto mesi e’ diventato procuratore capo di Catanzaro: “Sono arrivato qui e ho trovato una grande difficolta’, ogni sostituto mediamente ha 1000/1100 fascicoli. Questo vuol dire vuol dire che il 50% verranno prescritti, moriranno in questo ufficio”.

zoom24.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

by Rocco Chinnici

Uno per uno ci scelse: noi magistrati che...

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

PAOLO BORSELLINO - L'UOMO GIUSTO

by Alessandra Turrisi

A 25 anni dalla morte (19 luglio 1992),...


GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO

by Carlo Sarzana di Sant'Ippolito

Ancora oggi, i misteri fondamentali che gravano sulle...

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

NOI, GLI UOMINI DI FALCONE

by Angiolo Pellegrini

Palermo, gennaio 1981. Quando il capitano Angiolo Pellegrini...


L'ASSEDIO

L'ASSEDIO

by Giovanni Bianconi

Tragico e coinvolgente, "L'assedio" ci riporta a uno...

QUEL TERRIBILE ’92

QUEL TERRIBILE ’92

edited by Aaron Pettinari

Di tutti gli anni della nostra storia recente,...


STATO DI ABBANDONO

STATO DI ABBANDONO

by Riccardo Tessarini

L’opera è narrata in prima persona ed è...

GIUSTIZIALISTI

GIUSTIZIALISTI

by Sebastiano Ardita, Piercamillo Davigo

«Noi con le nostre forze di Polizia li...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta